di Martina Strano

ACIREALE – Uno show oltre ogni aspettativa, un pubblico entusiasta, voci cariche ed emozionate al tempo stesso. «Era da tempo che non mi esibivo in Sicilia, ma non per mia volontà» ci tiene a precisare il cantante bolognese «Mi dicevano che i numeri non c’erano. Oggi vi guardo e vi dico grazie perché è solo grazie a voi se siamo qui oggi, e questo pubblico lo porterò nel cuore. È bellissimo cantare con voi. Amo questa terra.»

Sui social è stato definito “lo spettacolo più bello dell’anno” dagli spettatori che hanno affollato i Palasport di mezza Italia.

Il tour segue il lancio del suo album “Logico” presente da oltre sei mesi nella top ten delle classifiche di vendita. Uno spettacolo grandioso con un impianto luci di terza generazione, grandi effetti scenici e giochi di luce e laser: un concerto “caleidoscopio”. D’altronde “qualcosa di grande” dovevamo aspettarcela dal cantante, anche se il pezzo che lo portò alla vittoria del Festivalbar nell’estate del 2000 non era presente in scaletta.

Ventisei brani hanno ripercorso la sua carriera, compresi quelli meno noti. Sul palco oltre Cesare Cremonini (voce e piano), Nicola Balestri detto Ballo (basso), Andrea Morelli (chitarre), Alessandro De Crescenzo (chitarre), Michele Guidi detto Mecco (Hammond), Nicola Peruch (elettronica e tastiere), Marco Tamburini (tromba), Andrea Fontana (batteria), Chris Pescosta (cori e chitarra) e Roberta Montanari (cori).

Il pubblico si è divertito al ritmo di “50 special” e si è emozionato con “PadreMadre”; durante la serata abbiamo ricordato il Cremonini “Latin Lover” che mangiava “Marmellata#25”, che oggi beve “Grey Goose” e non vuole “Niente di più”, ma aspetta “Un giorno migliore”.

 

Martina Strano

Facebook-20141117-110111Facebook-20141117-105801Facebook-20141117-105751

A proposito dell'autore

La prima parola che ho insegnato a mia sorella che oggi ha 8 anni? Cardigan. Per me la moda è ispirazione, conoscenza, originalità e passione. Ed è di questo che amo scrivere. Amo raccontare senza alcun filtro ciò che vedo. Proprio come la Schiap, le due parole che non rientrano nel mio vocabolario sono Proibito e Impossibile. Ma sicuramente troverete spesso Louboutin e Chanel.

Post correlati

Scrivi