ADRANO – I Carabinieri della Compagnia di Paternò coadiuvati da personale dell’Azienda Autonoma Monopoli di Stato hanno effettuato diversi controlli mirati al contrasto di violazioni in materia di giochi d’azzardo nel Comune adranita.
A conclusione degli accertamenti e delle verifiche compiute in diverse sale giochi e centri scommesse del centro i militari hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Catania tre persone. Il titolare di un centro scommesse è stato denunciato perché trovato privo di autorizzazione, prevista dal T.U.L.P.S. e rilasciata dal Questore, rendendosi cosi responsabile della violazione di raccolta illegale di scommesse. Mentre il titolare e il rappresentante, inserito nella licenza, di una sala giochi sono stati denunciati per aver installato degli apparecchi comunque idonei a consentire l’esercizio del gioco con vincite in denaro ma non collegandoli alla raccolta della rete statale. All’interno della predetto esercizio commerciale è stato rinvenuto anche un videopoker truccato, che riproduceva i giochi legalmente autorizzati dal Monopolio. In apparenza la macchina poteva sembrare in regola ma in realtà anche questa non era collegata alla rete e, dunque, i proventi non potevano pervenire né essere controllati dallo Stato. A seguito di tale controllo l’apparecchiatura, nell’interno della quale sono stati rinvenuti 191 euro, in contanti posti nella cassetta contenitore delle puntate, e 31 ticket per lo scambio della vincita in denaro per un valore complessivo di euro 1067,29, è stata sequestrata. Inoltre al titolare della sala giochi è stato sanzionato con una violazione amministrativa di 20.000 euro.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi