Un attentato incendiario è stato messo in atto, intorno alle 22.00 dela notte scorsa ad Adrano, ai danni dei mezzi della nettezza urbana. Quattro quelli dati alle fiamme. Diversi i colpi di pistola esplosi in aria sotto gli occhi increduli dei netturbini che si apprestavano ad effettuare il turno di notte.

di Alice Vaccaro

ADRANO – Due gli uomini che intorno alle 22.00 si sono introdotti, a bordo di uno scooter e con il volto coperto, all’interno della rimessa dei mezzi della nettezza urbana in contrada Roccazzello ad Adrano. I due, dopo aver versato del liquido infiammabile sui mezzi, hanno appiccato il fuoco: il tutto sotto gli occhi increduli degli operatori ecologici che si apprestavano ad iniziare il turno di notte (turni a cui sono costretti per via della carenza di mezzi a disposizione per svolgere il servizio di raccolta dei rifiuti).
Un’azione durata davvero pochi istanti, ma non priva di conseguenze. Gli abiti di uno dei due malviventi hanno infatti iniziato a prendere fuoco subito dopo. L’uomo, per evitare ben più gravi conseguenze, si è gettato a terra, rotolando per spegnere le fiamme. È a questo punto che i netturbini (della ditta belpassese Geoambiente, che espleta il servizio di raccolta rifiuti ad Adrano) si sarebbero avvicinati al malvivente (probabilmente non comprendendo del tutto cosa stesse accadendo e pensando invece ad un incidente). Ma l’attentatore, spente le fiamme dagli abiti e rimessosi in piedi, ha intimato, gridando agli operatori di non avvicinasi. Ha Iniziato, inoltre, a sparare in aria diversi colpi di arma da fuoco, salendo nuovamente in sella allo scooter e fuggendo via assieme al complice. Fulminei così come erano arrivati.
Sul posto sono giunti i vigili del fuoco del distaccamento di Adrano che, con l’ausilio di un’autobotte proveniente da Catania, hanno sedato le fiamme; nonché i carabinieri e gli agenti di polizia. A questi ultimi sono affidate le indagini del caso.
Insomma sono stati attimi di paura all’interno dell’autoparco di contrada Roccazzello ad Adrano, ma fortunatamente, nonostante gli spari, non si sono registrati feriti. Quattro i mezzi danneggiati.
Non si escluderebbero adesso disagi per quanto riguarda il servizio di raccolta rifiuti in città. I netturbini erano infatti già costretti a svolgere il proprio lavoro organizzati in turni notturni e diurni proprio per la carenza di mezzi; mezzi che adesso sono andati danneggiati.

 

Scrivi