Proseguendo nel ciclo “L’Isola che decolla”, lunedì 18 maggio a Catania, alle ore 18.00, a Palazzo dei Chierici, in piazza Duomo, si terrà l’incontro “Sac, verso la quotazione in Borsa. Infrastrutture, modelli di sviluppo e mercati finanziari”, moderato e coordinato dal giornalista Salvo Fallica. All’introduzione di Gaetano Mancini, amministratore delegato di Sac Spa, seguiranno gli interventi di Enzo Bianco, sindaco di Catania, Giacomo Pignataro, rettore dell’Università degli Studi etnea, Ivanhoe Lo Bello, vice presidente nazionale di Confindustria, e Marco Panara, coordinatore di “Affari&Finanza” de “la Repubblica”. Concluderà Salvatore Bonura, presidente di Sac Spa. La manifestazione culturale de “L’Isola che decolla” ritorna quindi con un evento-dibattito incentrato su un tema di attualità dal forte valore economico-sociale: il processo di quotazione alla Borsa di Milano dell’aeroporto di Catania. Un avvenimento importante anche per il territorio (al momento non esiste alcuna società siciliana nei listini di Piazza Affari) da analizzare e dibattere con competenza e trasparenza. Per questo motivo sono state invitate a confrontarsi figure autorevoli del mondo intellettuale, dell’economia e dell’impresa, dei media e delle istituzioni, per riflettere sui processi concreti e le dinamiche della realtà infrastrutturale e imprenditoriale più vitale della città.

L’analisi si soffermerà soprattutto sull’interconnessione fra i modelli di sviluppo virtuosi dei territori e i mercati finanziari, nazionali e internazionali, nonché sull’interazione positiva e costruttiva fra economia produttiva e mondo finanziario. L’approdo in Borsa di una realtà imprenditoriale e manageriale come Sac Spa è poi anche un ulteriore spinta alla crescita, alla modernizzazione, a un processo ancor più dettagliato di comunicazione e trasparenza. Tutti valori etici, metodologici e operativi che la Sac persegue per continuare a generare  risultati positivi fra i più brillanti d’Italia. La crescita dell’aeroporto di Catania, il primo del Sud e uno dei più importanti del Paese, è il frutto di una strategia fondata sulla modernizzazione, sullo sviluppo infrastrutturale e la conseguente crescita della qualità dei servizi, su una gestione attenta volta all’ottimizzazione del risultato economico a sostegno degli investimenti, sulla continua programmazione razionale e su idee innovative puntate a migliorare costantemente l’infrastruttura. Una strategia basata anche su una comunicazione non solo tecnica, ma soprattutto culturale e divulgativa. Perché l’aeroporto è un bene della collettività, un patrimonio dei vasti territori siciliani ai quali fornisce servizi di trasporto, un modello virtuoso, eticamente ed economicamente, che a livello nazionale viene considerato una delle eccellenze del Sud Italia.

Ecco perché il confronto con le istituzioni, le forze sociali, i cittadini, gli intellettuali è non solo un valore aggiunto, ma un elemento essenziale di una visione dell’economia come dimensione comunitaria e culturale. Il nuovo dibattito de “L’Isola che decolla” intende continuare ad analizzare e divulgare questi temi, sempre con spirito libero e al di sopra delle parti, con un approccio dialettico fondato sul confronto aperto e democratico con l’opinione pubblica.

Scrivi