Piano Nazionale Agrumicoltura, la presidente Concetta Raia all’assessore Cracolici “attivi subito un tavolo di confronto con le categorieche sia propedeutico all’incontro con il Ministro Martina. Salvaguardare i nostri territori dagli attacchi imminenti di nuovi devastanti patogeni. avviare immediatamente nuove strategie per valorizzare l’agrumicoltura dell’isola: La Sicilia deve puntare sulle cose che da sempre sa fare bene: la qualità.

 CATANIA – “L’assessore regionale Antonello Cracolici attivi subito un tavolo di confronto con le categorie, produttori e coltivatori, parti sociali, propedeutico alla riunione fissata con il ministro Martina in merito al piano nazionale sull’agrumicoltura e, in particolare,alla salvaguardia dei nostri territori dagli attacchi imminenti di nuovi devastanti patogeni. L’azione di prevenzione dalle malattie va fatta a monte, partendo dai nostri vivai”. Lo dice la presidente della Commissione Ue all’Ars, Concetta Raia, raccogliendo le sollecitazioni del mondo agrumicolo siciliano e, in particolare, della provincia di Catania che sarà presente venerdì prossimo compatta all’incontro in programma al Dipartimento di Agraria dell’Università di Catania.

“Avviare immediatamente nuove strategie per valorizzare l’agrumicoltura dell’isola: La Sicilia deve puntare sulle cose che da sempre sa fare bene: la qualità – sottolinea la deputata regionale –Da alcuni anni le politiche di apertura della Comunità Europea, i cambi climatici e l’incremento del mercato di libero scambio (merci) tra i paesi del bacino del Mediterraneo hanno esposto la nostra regione a problemi di patologia vegetale causati da patogeni o altri agenti che potrebbero mettere a rischio l’agrumicoltura siciliana”. Ad oggi i patogeni devastanti sono: il Citrus black spot, il huanglongbing degli agrumi, i ceppi resistance breaking down del virus della tristeza degli agrumi o la recrudescenza di vecchie malattie come l’exocortite degli agrumi.

“L’agrumicoltura è da tempo minacciata dalla “Tristezza” causata dalCitrusTristeza Virus (CTV), responsabile di un’ampia epidemia che coinvolge anche produzioni territoriali pregiate e che porta alla morte delle piante – spiega Concetta Raia – Focolai sono attualmentepresenti in più zone produttive di spicco. La principale via di introduzione in nuove aree è attraverso il materiale di propagazione infetto. Risulta necessaria l’adozione di materiale vivaistico certificato per contrastare la diffusione, per cui occorre promuovere il ricorso a materiale virus-esente e supportare i vivaisti nel loro ottenimento;Opportuno aumentare i livelli di monitoraggio da parte dei Servizi Fitosanitari Regionali”.

“Uno strumento per fronteggiare tale avversità è l’espianto e il reimpianto con portainnesti tolleranti al CTV, tanto più urgente da mettere in atto dal momento che la gran parte degli impianti è su portainnesto suscettibile al CTV – prosegue – Prioritario mettere in campo azioni di larga scala e misure ad hoc per favorire nuovi investimenti volti alla riconversione produttiva (non attraverso la tecnica del reinnesto, da valutare, invece, l’infittimento ma solo nelle zone dove l’eradicazione non è più possibile), con misure specifiche e fondi facilmenteaccessibili per gli agricoltori.”

 Il comparto agrumicolo siciliano con i suoi oltre 130 mila ettaririveste un ruolo di primo piano nel panorama Nazionale ed Europeo, sia da un punto di vista economico che sociale, interessando circa 80 mila aziende. Fornisce prodotti di qualità e dall’elevato valore nutrizionale, molto spesso espressione tipica dei territori, garantisce reddito ed occupazione. “Il settore sta attraversando un particolare momento congiunturale, con un preoccupante trend di contrazione della domanda interna e conseguente riduzione delle quotazioni – ricorda la parlamentare democratica –e richiede urgenti azioni orientate alla salvaguardia e alla valorizzazione delle produzioni”

Chiedo all’assessorato,attraverso la programmazione 2014-2020 di incentivare per innovare tale comparto e renderlo un fiore all’occhiello dell’agricoltura Europea puntando sulla produzione di altissima qualità che il nostro territorio è in grado di garantire al resto d’Europa”.

“Bisogna guardare non all’immediato ma a ciò che il mondo ci riserva nel prossimo decennio, soprattutto nell’interesse delle generazioni di giovani imprenditori agricoli che si affacciano ai nuovi mercati e si propongono come leader di prodotti di qualità. Bisogna mettere a punto nuove strategie che permetteranno, anche grazie all’attivazione di un nuovo piano agrumi per salvaguardare e valorizzare le produzioni agrumicole regionali, innalzando gli standard produttivi e qualitativi di tutta la filiera agrumicola con l’intento di ottenere entro un quinquennio un comparto agrumicolo moderno, dinamico e che sia in grado di affrontare a testa alta i nostri diretti concorrenti come la Spagna, nonché di essere qualitativamente superiore ai Paesi del nord e sud Africa che offrono prodotti a prezzi decisamente più competitivi dei nostri”.

“In un comparto come quello agricolo non devono esistere anelli deboli che possano pregiudicare la filiera.Tutto questo passa attraverso un’azione di pianificazione che a partire dal vivaio fino alla grande catena di distribuzione non deve presentare falle nel sistema. Oggi il sistema agricoltura deve essere visto esattamente come un qualsiasi altro sistema industriale dove si deve massimizzare la resa e la qualità allo scopo di poter occupare porzioni sempre più importanti del mercato internazionale”.

Le 4 linee programmatiche indispensabilisono: la certificazione delle piante in vivaio al fine di garantire al produttore piante sane che possano dare buoni risultati in tempi brevi; il monitoraggio mediante nuove tecnologie quali il remote sencing, il telerilevamento e la diagnosi in remoto delle principali aree agrumicole della nostra Regione al fine di capire in maniera immediata i principali problemi fitosanitari; l’identificazione della vocazione dei territori al fine di garantire prodotti di qualità che oggi per un mercato come quello italiano rappresenta un carattere distintivo; la salvaguardia dei nostri territori dagli attacchi imminenti di nuovi devastanti patogeni.

A livello nazionale, poi – conclude raia – chiediamo al Ministero dell’Agricoltura di utilizzare procedure adeguate negli hot spot a della penisola e tramite la Comunità Europea, anche controlli serrati nei punti di accesso delle merci dei Paesi del nord Europa che come è noto sono un importante punto di ingresso della merce proveniente dai Paesi non Europei”.


-- SCARICA IL PDF DI: Agricoltura, Raia (Pd): "La Sicilia deve puntare sulla qualità che deve essere valorizzata" --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata