AGRIGENTO − I dipendenti del Libero Consorzio Comunale di Agrigento, già Provincia Regionale, nell’assemblea che si è tenuta nell’aula consiliare Giglia, dopo un ampio, partecipato ed animato dibattito, all’unanimità, hanno approvato il seguente ordine del giorno: “Adesione al Coordinamento dei dipendenti delle ex Province Regionali Siciliane, costituitosi a Caltanissetta il 08 maggio 2015; Approvazione del documento elaborato e diramato dal suddetto Coordinamento; Proclamazione dello stato di agitazione del personale ed adesione a tutte le forme di mobilitazione e di lotta che saranno decise dal Comitato, Adesione alla manifestazione che si terrà a Palermo entro il mese di maggio; Aggiornamento dell’assemblea del personale a domani alle ore 10.00, nella sala “Giglia” della Provincia, per stabilire le modalità di partecipazione alla manifestazione che si terrà in data da stabilire a Palermo e che vedrà coinvolti tutti i dipendenti delle nove ex province; Incontrare la Deputazione Regionale agrigentina giorno 18 maggio rappresentando lo stato d’animo e le problematiche emerse nella presente assemblea; Chiedere l’adozione di norme che garantiscano i posti di lavoro, come, ad esempio quelle che tutelano i lavoratori del Comparto Istruzione o come la proroga fino al 2019 delle norme sul prepensionamento, per le Province in caso di esubero finanziario; Coinvolgere sulla questione province e tutela dei dipendenti, oltre che la classe politica, anche gli organi di stampa i mass media.”

Il cordinatore della R.S.U. Luigi Bottone

Scrivi