Ancora una sconfitta interna per la squadra di Legrottaglie. A violare il campo agrigentino è stato il Melfi che ha sfruttato le debolezze tecniche di una squadra che, tra mura amiche, non riesce ad esprimersi come fuori casa. Akragas – Melfi era stato etichettato come uno scontro salvezza e, con i biancoazzurri sconfitti, la posizione di classifica si fa sempre più preoccupante; spiegare l’ennesimo tonfo interno è davvero diffcile. Perfino l’allenatore biancoazzurro non si da pace per la metamorfosi che subisce la squadra quando gioca davanti ai propri sostenitori. Perde lucidità, incisività e perfino cattiveria. Il Melfi, imbottito di giovani e solo con qualche elemento di spessore, ha imbrigliato la sterile e monotona manovra di accerchiamento dei biancoazzurri che sono stati trafitti da un super Masini andato a segno per tre volte. Per la formazione biancoazzurra il gol della bandiera è stato segnato da Leonetti. Ora una necessaria pausa che deve servire a chiarire tante cose anche in chiave futura e con un organico che necessariamente deve essere integrato; non è facile ma c’è l’impegno della società di porre rimedio ad una situazione che rischia di trascinare in un tunnel senza via d’uscita tutti. La squadra si ritroverà in sede il prossimo 28 dicembre. (fonte ssakragas.it)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi