di Emanuele Strano

L’Akragas torna dalla trasferta di Matera a mani vuote, colpita nei minuti di recupero da un gol di Gammone.

Dopo un’estate dove a farla da padrone sono stati i tribunali e le istituzioni calcistiche, si torna finalmente a parlare di campo. Per la prima giornata di Lega Pro si affrontano il Matera del nuovo tecnico Dionigi, ai nastri di partenza con due punti di penalizzazione, e l’Akragas di Nicola Legrottaglie, matricola del girone C ma con un organico ricco di esperienza.

Il primo tempo mette in mostra due squadre che si affrontano alla pari soprattutto sul piano fisico, dove nessun colpo viene risparmiato. Ne è dimostrazione l’infortunio di Letizia, costretto ad abbandonare il terreno di gioco dopo soli 3′ minuti di gioco. Dopo una fase iniziale di studio e possesso palla nella zona mediana del campo, è il Matera a rendersi pericoloso in ben tre occasioni con Carretta, Meola e Gammone, tutti poco lucidi di fronte a Maurantonio. Anche l’Akragas si fa vivo con Scrugli che si ritrova a tu per tu con il portiere di casa ma viene fermato da Zaffagnini. Il match giocato molto sul lato fisico rende nervosi i calciatori in campo che fine primo tempo, dopo un brutto intervento di Vicente su Carretta, danno via a una rissa con protagonisti i giocatori di entrambe le squadre, che causa l’ammonizione a Vicente e Meola.

La seconda frazione si riapre sulla falsa riga del primo, con una partita maschia e ricca di falli e gioco spezzettato. I padroni di casa del Matera costruiscono gioco ma l’Akragas si difende bene e con ordine, rinunciando però a contrattaccare. L’atteggiamento troppo prudente costa caro agli ospiti proprio nei minuti di recupero, quando Gammone calcia dalla sinistra una punizione che Maurantonio non riesce a decifrare. Il pallone si insacca alle sue spalle generando i boati del pubblico del “XXI Settembre”.  Il Matera azzera così la penalizzazione e sale a 1 punto, mentre Legrottaglie ritorna in Sicilia con la consapevolezza di dover lavorare sulla manovra offensiva della sua squadra.

Le parole del match winner, Antonio Gammone: “Segnare un gol del genere nella mia terra è un’emozione incredibile e mi rende orgoglioso. La nostra vittoria è meritata perchè abbiamo attaccato per tutta la partia, siamo una squadra piena d’ambizione“.

Tabellino

Matera(3-4-3): Bifulco; Di Lorenzo, Zaffagnini, Ingrosso; Meola, De Rose, Armellino, Tomi(dal 71′ Zanchi); Carretta, Kurtisi(dal 59′ Regolanti), Letizia(dal 4′ Gammone).
Panchina: Russo, Scognamillo, Piccinni, Rolando, Zanchi, D’Angelo, Pagliarini, Biscarini, Dammacco, D’Agostino.
Allenatore: Davide Dionigi.

Akragas(4.3.3): Maurantonio; Cazè, Marino, Sabatino, Capuano(dal 45′ Aveni); Vicente(dal 56′ Salandria), Almiron, Scrugli; Zibert, Cristaldi(dal 72′ Di Piazza), Leonetti.
Panchina: Vono, Roghi, Mauri, Fiore, Madonia, Lovric, Lo Monaco.
Allenatore: Nicola Legrottaglie.

Reti: Gammone (M) al 91′.

Ammoniti: Di Lorenzo, Meola, De Rose(M); Vicente, Scrugli, Cazè, Leonetti(A).

Arbitro: Vito Mastrodonato.

Scrivi