“Grazie per avermi chiamato. Avete preso un allenatore esordiente e spero di ripagare la fiducia che mi é stata accordata. I miei valori saranno trasportati nel mio modo di vedere il calcio. Cercherò di dare quello che ho, prometto eccellenza nel mio lavoro. Chiedo ai tifosi pazienza, di starci vicino nei momenti difficili. Lavoreremo con entusiasmo. Prenderemo dei giocatori con scelte oculate per un grande gruppo. Tutti uniti per un progetto, un progetto di vita. Insieme per vincere.”

“Il mio modulo di gioco sarà adattato ai giocatori che avrò a disposizione. Conto di avere circa 23 giocatori, tra cui molti giovani con cui poter lavorare. Lavoreremo per due settimane a Torre del Grifo, a Catania. Poi ci sposteremo in qualche altra struttura nelle vicinanze”.

Con queste parole mister Legrottaglie si presenta davanti ai giornalisti come nuovo allenatore dell’Akragas. Accompagnato dalla dirigenza biancazzurra, l’ex giocatore di Juve, Milan e Catania e allenatore nelle giovanili del Bari durante la passata stagione, Legrottaglie mostra tutta la sua compostezza e l’equilibrio che lo hanno contraddistinto tanto come uomo quanto come calciatore prima di salutare anche la tifoseria radunata nella tribuna dello Stadio Esseneto.

Il progetto Akragas è sicuramente molto suggestivo e per questo motivo i tifosi sono entusiasti. Si aggregheranno alla rosa per il ritiro anche il difensore Ciro Capuano e l’attaccante Giuseppe Madonia, mentre si continua a lavorare per portare ad Agrigento un altro ex rossazzurro: Almiron, che sembra vicinissimo alla firma del contratto che lo legherà alla società siciliana.

maurantPeppino Tirri ha intanto annunciato l’importante acquisto del portiere Roberto Maurantonio, classe ’81, che vanta parecchie presenze anche in Serie B. Esperienze importanti quelle di Ascoli e Virtus Lanciano, mentre nella passata stagione è stato tesserato dal Carpi.

Puntellato l’organico con pedine di sicuro affidamento per la categoria, adesso è lecito aspettarsi l’inserimento in organico di diversi giovani da far crescere, sperando che qualcuno esploda attivando quel circuito economico fatto di plusvalenze e investimento sulla linea verde. Sempre da risolvere la grana legata allo Stadio Esseneto, da rimettere in sesto per essere a norma.

 

(foto da pagina Facebook Società Sportiva Akragas)

Scrivi