Ancora allerta meteo, codice rosso a Catania e in diverse province della Sicilia nella giornata di domani 15 ottobre. Dopo la mezzanotte di oggi, infatti, sono previste dalle 24 alle 36 ore di piogge di forte intensità e temporali con fulmini, forte vento, mare molto mosso e una sensibile diminuzione delle temperature massime.. Chiuse a scopo precauzionale scuole e asili nido.

ENZO BIANCO Sindaco Catania

Enzo Bianco

L’allerta meteo è stata diffusa dalla Protezione civile regionale, e la sospensione dell’attività didattica è stata decisa dall’Amministrazione comunale dopo una consultazione con gli esperti. Sempre l’amministrazione catanese ha dichiarato tramite comunicato la volontà di organizzare una conferenza Stato-Città per risolvere il problema dell’eccesso di allarmi maltempo: “La sospensione dell’attività didattica disposta dall’Amministrazione comunale ha uno scopo precauzionale. In presenza di un allerta meteo con codice rosso come quello diffuso dalla Protezione civile regionale, infatti, la decisione è obbligata anche se vi sono altre previsioni metereologiche discordanti. Il sindaco di Catania Enzo Bianco, presidente del consiglio nazionale dell’Anci, ha già chiesto una conferenza straordinaria Stato-Città per contrastare il fenomeno dell’eccesso di allarmi maltempo, a volte in contraddizione tra loro, che creano sconcerto nei sindaci i quali devono prendere decisioni riguardanti la cittadinanza come per esempio la sospensione dell’attività didattica“.

Giunge anche il comunicato dell’Università di Catania: “A seguito della segnalazione di allerta meteo con codice rosso, diramato dalla Protezione Civile, nella giornata di domani 15 ottobre, sono sospese a titolo precauzionale tutte le attività didattiche (esami, lezioni, esercitazioni) nei dipartimenti dell’Università di Catania. La lezione del ciclo “Incipit” è rinviata a data da destinarsi”.

Roberto Barbagallo sindaco Acireale

Roberto Barbagallo

Scuole chiuse anche ad Acireale, dove il sindaco, Roberto Barbagallo, ha disposto  a titolo precauzionale a tutela della pubblica e privata incolumità la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado in tutto il territorio comunale e l’attivazione del presidio operativo permanente di Protezione Civile per la verifica delle criticità. Il primo cittadino raccomanda di limitare al minimo indispensabile gli spostamenti e cautela nel transito e nello stazionamento in piazza Agostino Pennisi, via delle Terme, via Agrumicoltura, via San Girolamo, via Provinciale per Risposto, via Provinciale per Santa Maria Ammalati, viale Cristoforo Colombo, via Caronia e nella frazione di Aci Platani. Si ricorda soprattutto di evitare di stazionare e transitare nelle aree prossime ai torrenti. Polizia Municipale, Protezione Civile, e squadre di volontari, come previsto dal Piano di Protezione Civile comunale, presidieranno i punti sensibili del territorio. Qualunque ulteriore disposizione ritenuta necessaria in relazione all’evoluzione delle condizioni meteo verrà prontamente comunicata.

I cittadini catanesi sono dunque invitati alla massima prudenza, a uscire di casa il meno possibile, a non sostare nei piani al di sotto della sede stradale e a utilizzare solo in caso di estrema necessità i mezzi privati e di conseguenza a preferire quelli pubblici.

Per ogni segnalazione si potrà chiamare il numero 095/484000, che corrisponde al Centro segnalazione emergenze della Protezione civile comunale, attivo 24 ore su 24, oppure ai numeri 095/7101148-49-50-55. Si potranno inviare anche email all’indirizzo protezionecivile@comune.catania.it.

Chiusura disposta anche dal sindaco di Fiumefreddo di Sicilia (Marco Alosi) per tutte le scuole di ordine e grado.

Emanuele Strano

Scrivi