PALERMO – “Irricevibili le proposte di ieri al Mise. In che modo si pensa di costruire un settore industriale, svendendo i lavoratori, affamandoli?  E’ chiaro che l’Slc non può accettare nessuna delle condizioni prospettate ieri al tavolo, in cui non vengono per nulla rispettate le clausole sociali. Exprivia li prenderebbe al terzo livello,  abbassandoli di uno. E a 4 ore, la maggioranza sono a 6 ore.  Azzera gli scatti di anzianità. E ne lascerebbe fuori 130. Almaviva continua a non voler  bloccare questi trasferimenti. E il  terribile ricatto sta andando avanti, una  pistola puntata sui lavoratori a basso reddito, che sono nel panico. Hanno occupato la sede di via Marcellini, sono impazziti, minacciano il suicidio, di darsi  fuoco. Non si gioca così con la vita delle persone”.  Sono le dichiarazioni del segretario Slc Cgil Maurizio Rosso, sull’incontro di ieri a Roma e in vista dell’aggiornamento della riunione al Ministero dello Sviluppo economico, prevista per domani alle 18.

“Il governo non può farci queste proposte. Non si può vendere al ribasso il lavoro e la dignità delle persone. Governo, Regione, Comune, Industria si mettano insieme al sindacato per costruire una posizione politica seria, non più rimandabile. La Cgil non accetterà mai queste condizioni arroganti e abominevoli, che non risolveranno mai le problematiche dell’occupazione e dello sviluppo di questo Paese –  aggiunge il segretario Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso –  Il settore dei call center non ha  bisogno di interventi da pronto soccorso.  Dopo sette  mesi di vertenza avevamo pensato di condurre la discussione verso una risoluzione che prevedesse fondi strutturali,  tavoli dedicati,  formazione, ricerca, sviluppo per poter offrire lavoro e garanzie. I committenti di questo settore, che sono tutti multinazionali, e penso a Telecom, Enel, Poste italiane, non si possono più permettere di fare offerte al massimo ribasso sulla pelle dei lavoratori, uccidendo il lavoro. Questo Paese ha bisogno di una classe industriale e di una politica che affronti i problemi veri.  Ci opporremo a queste proposte in tutti i modi e con tutte le  forze”.


-- SCARICA IL PDF DI: Almaviva, al Ministero proposte irricevibili. E' scattata l'occupazione della sede di via Marcellini --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata