GIARRE –  Un nuovo ed efficace sistema di riciclo dei rifiuti, il progetto Ecopremia, sarà presentato lunedì 7, alle ore 11.30 nella sala di rappresentanza del Municipio di Giarre. Dopo il successo ottenuto all’estero approda anche in Italia #Ecopremia, il progetto ecosostenibile per la raccolta ed il corretto smaltimento dei rifiuti. Sarà Giarre il primo comune che sperimenterà il collaudato sistema, grazie al supporto dell’amministrazione comunale ed al contributo dei commercianti. Il nuovo progetto sarà presentato alla stampa alla presenza, tra gli altri, del sindaco Angelo D’Anna, l’assessore alle Politiche ambientali Giuseppe D’Urso, del referente di Ecopremia Giuseppe Tricomi e dei commercianti che hanno già sposato l’iniziativa.

“In una prima fase si inizierà con le bottiglie di plastica PET – spiega Tricomi – per poi proseguire anche con il vetro e le lattine. I cittadini virtuosi, che si recheranno nell’ecopoint per smaltire i propri rifiuti, riceveranno una ricevuta con la quale potranno ottenere sconti e omaggi nei vari punti vendita aderenti. Allo studio anche possibili riduzioni sulla tassa dei rifiuti, tramite card nominative”.

L’amministrazione comunale potrà così avviare e via via incrementare la percentuale di raccolta differenziata, che consentirà di ridurre la tassa sui rifiuti, e contemporaneamente offrire alla cittadinanza un efficace e corretto smaltimento degli stessi. “Oltre a favorire il corretto riciclo dei rifiuti – conclude Giuseppe Tricomi – ai cittadini che utilizzeranno il sistema Ecopremia verrà rilasciato uno scontrino “EcoPoint”, che potrà essere utilizzato nelle attività commerciali che aderiscono al progetto. La mission è incrementare o far partire la raccolta differenziata nel territorio attraverso un sistema innovativo – conclude il referente del progetto – che premia e incentiva i cittadini al riciclo dei rifiuti traendone un beneficio”.

Mario Pafumi


-- SCARICA IL PDF DI: Ambiente, a Giarre il progetto Ecopremia --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata