AUGUSTA  – “Sono trascorsi sei mesi dall’insediamento del commissario ad acta che doveva occuparsi di completare l’iter per la dotazione del sistema di depurazione delle acque reflue nel Comune di Augusta. Sei mesi e della struttura non c’è traccia. Di cosa si è occupato fino ad oggi il commissario? E’ a conoscenza della grave situazione in cui si ritrova quel Comune, costretto a scaricare i reflui urbani a mare?”

Un’interrogazione è stata presentata dal deputato regionale d’opposizione Nello Musumeci per chiedere al presidente della Regione e all’assessore al Territorio e Ambiente “quali siano i motivi che bloccano i lavori per la realizzazione del sistema di depurazione nel Comune di Augusta”.

“Nel mese di luglio 2015, a seguito del fallimento della società privata che gestiva il servizio idrico – spiega Musumeci – il Presidente della Regione ha nominato l’assessore regionale del Territorio e Ambiente Vania Contraffatto commissario ad acta con il compito di completare l’iter per la dotazione di un sistema di depurazione. Attualmente il Comune di Augusta scarica a mare i reflui urbani, con il conseguente grave inquinamento di tutta la costa e con il rischio di pesantissime multe da parte dell’Unione Europea”.

Augusta ha un litorale di circa 14 chilometri nelle cui acque finiscono ben 31 scarichi fognari. 

 “Il Comune – continua Musumeci – dichiara di non avere ricevuto alcuna comunicazione da parte del Commissario, se non quella riguardante il verbale della riunione in cui si è notificato l’insediamento del nuovo Commissario, tra l’altro l’unica volta in cui l’assessore Contraffatto si è recata nel comune del Siracusano. Nonostante i fondi per il sistema di depurazione siano accantonati da tempo così come sono pronti i relativi progetti, la realizzazione dell’opera è inspiegabilmente bloccata e non si prevedono tempi brevi. Cosa si attende? Riteniamo sia urgentissimo procedere con l’avvio dei lavori per permettere la riqualificazione della zona balneare di Augusta ed evitare possibili e pesanti sanzioni”.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi