CATANIA – «Sono davvero contento che il primo atto che firmo da sindaco metropolitano riguardi l’Oasi del Simeto, con un progetto di recupero e rivalutazione». Lo ha detto il sindaco Enzo Bianco commentando il decreto relativo al progetto “Nuova Oasi”, con capofila l’associazione Orione, che prevede la promozione di attività aggregative, sociali, culturali e didattiche che si svolgeranno con la collaborazione di nove soggetti tra associazioni e cooperative.

«L’Oasi del Simeto è tra le più importanti Riserve del Sud del Paese dove è possibile ammirare numerose specie di avifauna protetta, sia stanziale sia migratoria – ha ricordato il sindaco metropolitano Enzo Bianco-. Condividiamo quali partner delle associazioni specializzate l’iniziativa per valorizzare questo bene naturalistico anche attraverso una gestione che permetta di “educare e sensibilizzare” i fruitori al rispetto della fauna e della flora endemica tipica del territorio. Creeremo un modello virtuoso per meglio attirare il turismo degli amanti del settore e per educare le giovani generazioni al rispetto delle aree protette».

Saranno allestite ed attrezzate alcune sale del centro polifunzionale Torre allegra per accoglienza turisti, punto studio del Wwf, laboratorio ornitologico, spazio informazione per attività didattico-multimediali, e una sala didattico- espositiva per sensibilizzare gli ospiti alla cura e alla manutenzione del territorio.

Inoltre, saranno attivati progetti di ricerca per lo studio della fauna e della flora tipica; attività di educazione ambientale; visite guidate all’interno di sentieri appositamente strutturati e corsi di formazione di birdwatching. Verranno realizzati percorsi sostenibili per chi vuole raggiungere l’Oasi a piedi a cavallo o in bici. Per questo verranno apposti tabelloni esplicativi, rastrelliere per le biciclette e stalli per i cavalli.

Alla riunione di avvio progetto convocata dal sindaco Bianco, hanno partecipato il capo di gabinetto della Città metropolitana di Catania, Santa Caruso; il dirigente dell’Ente Salvatore Raciti; Giusi Pedalino dell’associazione Orione; Silvia Spadaro e Gianluca Genovese dell’Ermes Comunicazioni; Carlo Camera del WWF Sicilia Nord-orientale; Biagio Montagno delle Giacche Verdi di Bronte; Riccardo Tomasello della Cooperativa sociale Bios. 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi