Un tempo, e nemmeno tanto tempo fa, si augurava agli amici di potere ricevere tutto ciò che desideravano. Oggi, pur nell’incanto del momento delle feste e del passaggio, mi pare più logico, più giusto e più serio augurare ai siciliani di riuscire ad avere ciò che è essenziale loro per vivere, per resistere e per esistere. Naturalmente ai tanti siciliani, intendo, alle prese con il disagio della nuova povertà, dell’emergenza occupazionale, dei diritti negati, del futuro incerto. Un futuro da costruire insieme, con la solidarietà e con il cuore. Almeno quelli a costo zero.
Andrea Lodato

Scrivi