CATANIA − Questa sera, alle ore 20.00, seconda serata di proiezioni al Museo Belliniano organizzata in occasione delle onoreficenze a Bellini nel 214° della nascita (Catania 3 novembre 1801) e 180° della morte (Puteaux, Parigi, 23 settembre 1835). Presso le sale del Museo (piazza S. Francesco, 3) sarà proiettato il film “Troppo tardi ti ho conosciuta” (1940) di Emanuele Caracciolo, fucilato per rappresaglia alle Fosse Ardeatine (24 marzo 1944), ritenuto smarrito ma fortunosamente ritrovato a Cuneo nel 2001 e restaurato. Prodotto dall’anonima Cinematografica Impero di Milano e tratto dalla commedia di Nino Martoglio (andata perduta), il film di Caracciolo – fondatore del gruppo futurista partenopeo che Marinetti definì il futurista veloce – annovera tra protagonisti il tenore Franco Lo Giudice (Paternò 1893-Catania 1990, attivo fino agli anni ), artista di livello internazionale che negli ultimi anni della sua vita insegnò canto all’Istituto Vincenzo Bellini di Catania, insignito nel 1985 del Bellini e di cui restano molte incisioni discografiche. Altra protagonista del film, garbata caricatura del mondo della lirica, la giovanissima esordiente Barbara Nardi, definita le più belle gambe degli anni trenta, nei panni di una maliarda ispirata ad una nota demi-mondaine del tempo che irretisce un ingenuo tenore e un giovanissimo Dino De Laurentis, che proprio con questa opera inizia la sua carriera cinematografica.  La figura di Franco Lo Giudice sarà ricordata dal melomane Nunzio Barbagallo.
Sempre nel corso della stessa serata sarà presentato anche il film di montaggio “Vi ravviso, o luoghi ameni” (che verrà riproposto in tutte anche nei successivi appuntamenti) assemblato con spezzoni di opere sonore degli anni. Prossimo incontro (anticipato a venerdì 20 novembre, sempre alle ore 20,00 per consentire il regolare svolgimento della Notte dei Musei, fissata per sabato 21) con la proiezione della registrazione dell’opera teatrale Autunno a Puteaux di Domenico Trischitta, interpretato da Donatella Finocchiaro, Giovanni Carta e Giovanni Moschella. Tutte le proiezioni saranno precedute da una breve introduzione dello stesso La Magna.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi