MISTERBIANCO − Dopo l’intervento del poliziotto libero dal servizio è proseguita l’attività investigativa sulla rapina compiuta nei giorni scorsi a Misterbianco.

Il Personale della Polizia di Stato ha arrestato Lo Cascio Giosuè (cl.1997) – incensurato – già indagato in stato di irreperibilità, in quanto destinatario di ordinanza cautelare che dispone gli arresti domiciliari, emessa in data 21.10.2015 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, eseguita da personale della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” della Squadra Mobile in quanto ritenuto responsabile, in concorso con Aurora Giuseppe (cl.1988) pregiudicato, e Cosenza Salvatore (cl.1993), questi ultimi già tratti in arresto, dei reati di rapina aggravata e lesioni aggravate.
In particolare, alle ore 19,40 circa del 16 ottobre scorso, un’autovettura Mercedes cl. C con a bordo tre individui giungeva nel parcheggio antistante un esercizio commerciale della zona industriale di Misterbianco. Mentre l’autista rimaneva al lato guida, gli altri due occupanti travisati uno con passamontagna e l’altro con maschera carnascialesca – da vecchio, n.d.r. – di cui uno armato di pistola, irrompevano all’interno del negozio e, sotto la minaccia dell’arma, si facevano consegnare la somma di 500,00 € circa.
Proprio mentre era in corso l’azione criminosa, un dipendente della Squadra Mobile – Sezione “Contrasto al Crimine diffuso”, libero dal servizio e privo di arma in dotazione, era appena uscito dal medesimo esercizio in compagnia della moglie e dei figli minori ed aveva fatto appena in tempo a sistemare all’interno della sua autovettura dei pacchi con gli acquisti appena fatti. Vista la scena, dimostrando un innegabile coraggio e con ottima scelta operativa, alzava le braccia in alto in segno di resa, posizionandosi così davanti l’uscita del negozio. Non appena i due malviventi uscivano speditamente dal negozio per raggiungere l’auto dove il complice si attendeva con il motore acceso, l’Agente si avventava contro il rapinatore più alto e corpulento – oltre 2 metri, n.d.r. – che era in possesso della pistola, nel tentativo di bloccarlo e disarmarlo. Ne nasceva una violenta colluttazione nel corso della quale l’Agente riusciva a togliere il passamontagna al rapinatore armato. Nel corso della colluttazione, alla quale prendeva parte anche il secondo rapinatore, il poliziotto veniva colpito alla testa con l’arma e, sebbene ferito e sanguinante, tentava di bloccare la fuga del veicolo, aggrappandosi allo sportello lato guidatore. La ripartenza veloce dell’auto provocava la caduta del poliziotto, che rovinava sul selciato.
Durante queste concitate fasi, il poliziotto riusciva a vedere bene il volto del rapinatore armato, avendogli tolto il passamontagna, e del complice che si trovava alla guida della Mercedes.

Il poliziotto veniva trasportato tramite ambulanza presso il nosocomio di un ospedale cittadino, ove gli veniva riscontrata una profonda ferita lacero-contusa alla testa, per la quale erano necessari diversi punti di sutura, ed altre ferite al corpo.
Sul posto intervenivano subito diversi equipaggi della Squadra Mobile, in particolare della Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, che avviavano le indagini volte alla identificazione dei tre malviventi, acquisendo le immagini degli impianti di video-sorveglianza del negozio rapinato e di altri della zona.
In sede di sopralluogo eseguito sulla scena del crimine da esperti della Polizia Scientifica, veniva rinvenuto e sequestrato il passamontagna utilizzato dal rapinatore.
Le indagini condotte senza soluzione di continuità consentivano di addivenire alla targa dell’automezzo risultato un vecchio Mercedes cl. C, che veniva rinvenuto all’alba dell’indomati 17 ottobre, parcheggiato in Viale Bummacaro, nel rione di “Librino”. Il mezzo veniva sottoposto ai rilievi della Scientifica e, successivamente, sequestrato.
Da accertamenti si addiveniva all’utilizzatore del mezzo, Aurora Giuseppe con precedenti per rapina, riconosciuto dall’operatore di Polizia, proprio per colui che guidava la Mercedes.
Nel contempo, grazie ad una serrata attività investigativa, venivano individuati ed identificati anche gli altri due complici. I tre venivano ricercati una prima volta in maniera vana.
Il 18 ottobre scorso Aurora e Cosenza venivano arrestati. Le ricerche di Lo Cascio risultavano vane ed il predetto veniva denunciato in stato di irreperibilità.
Nel pomeriggio di ieri, il predetto Lo Cascio, rintracciato nel rione Monte Po, è stato sottoposto agli arresti domiciliari.
Sempre personale della Squadra Mobile ha arrestato, nella giornata di ieri, Crisafulli Pietro (cl.1986) – pregiudicato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana.
Nell’ambito di servizi finalizzati alla repressione del fenomeno relativo allo spaccio di sostanza stupefacente, personale della Sezione “Antidroga” procedeva a perquisizione domiciliare presso l’abitazione del Crisafulli, sita nel noto quartiere “Librino”, ad esito della quale sono stati rinvenuti g 150 circa della citata sostanza, materiale da confezionamento e la somma di 865,00 € in contanti suddivisa in banconote di piccolo taglio, ritenuta provento dell’illecita attività.
Il Crisafulli, dopo le formalità di rito, è stato posto in regime di arresti domiciliari, in attesa del giudizio per direttissima.

Lo Cascio Giosuè

Lo Cascio Giosuè

Crisafulli Pietro

Crisafulli Pietro

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi