“E’ giunto il momento di riaprire un confronto serio col governo di Roma sulla concreta attuazione delle norme finanziarie dello Statuto. Senza complessi di colpa o di inferiorità. E Crocetta non ha la necessaria autorevolezza per farlo.”
Lo ha detto l’esponente della opposizione all’Ars Nello Musumeci, intervenendo in Aula nel dibattito sull’esercizio provvisorio della Regione. “Se servono tagli e risparmi, perché non si procede alla liquidazione delle Partecipate mangiasoldi, o alla chiusura di Riscossione Sicilia, una tortura sofisticata per i contribuenti siciliani che costa alle casse regionali decine di milioni di euro? Perché non si scioglie l’Esa e si trasferisce il personale all’assessorato Agricoltura? Perché non si chiudono i dieci Istituti per le case popolari, quasi tutti diventati coacervi del malaffare e dell’inefficienza? Non ci interessano le guerre interne tra Crocetta e l’assessore Baccei, il proconsole romano mandato da  Renzi: ci dica il governo regionale quali riforme vuole fare e quando vuole cominciare a farle. E ci dica Renzi quando vuole restituire alla Sicilia quello che le è stato negato per troppo tempo.”

Scrivi