Enzo-Bianco-candidato-PdDifficoltà nel portare avanti le indagini a causa della poca collaborazione dei residenti della zona. E’ questo ciò che denuncia il sindaco di Catania Enzo Bianco in merito all’assalto con un escavatore all’Ufficio postale di Picanello.

Sono ancora sconvolto – afferma Enzo Bianco – non riesco ad accettare l’idea che alcuni Catanesi possano voltare le spalle quando avvengono fatti di questa gravità. Senso civico è considerarsi parte di una comunità e dunque reagire quando contro quella comunità vengono commessi dei reati”.

Assalto alla Posta di PicanelloUn assalto condotto in un orario insolito, verso le 22.30 quando ancora, soprattutto in estate, c’è ancora vita per le strade: “A Catania negli ultimi anni sono stati compiuti grandi passi in avanti nella lotta contro la criminalità e la collaborazione dei cittadini è stata determinante. In questo caso invece le forze dell’ordine hanno lamentato la scarsa collaborazione dei residenti e questo fa pensare. D’altra parte riesce davvero difficile pensare che il gran rumore prodotto dall’abbattimento del muro appena alle dieci di sera e che qualcuno ha detto di aver scambiato addirittura per un terremoto non abbia spinto nessuno a scendere in strada o affacciarsi per vedere cosa stesse accadendo. Ma non c’è stata alcuna telefonata di segnalazione alle forze di polizia. E questo è terribile”.

Assalto alla Posta di PicanelloHo atteso – ha concluso il Sindaco – prima di intervenire su questa vicenda perché vorrei che si aprisse un confronto riguardo a quello che i Catanesi devono fare per la propria città. Ho sempre detto che Catania non si salva senza l’impegno e la dedizione dei propri cittadini. Qualche giorno fa, in Vaticano, durante l’incontro voluto da papa Francesco con i sindaci delle maggiori città del mondo, ho citato la frase dell’enciclica papale in cui si parla della ‘speciale dignità’ dei cittadini. Ma questa dignità deve essere conquistata giorno dopo giorno collaborando al benessere e all’armonia della collettività. E questo si fa anche e soprattutto denunciando i delitti, di qualunque genere“.

Emanuele Strano

A proposito dell'autore

Appassionato di sport, calcio, fantacalcio e di social media marketing. Coordinatore e caporedattore per Fantamagazine.com, collaboratore nel settore cronaca per SiciliaJournal. Si occupa di moda e stile per il portale Thegentleman.me

Post correlati

Scrivi