Ripubblichiamo qui di seguito (con il consenso dell’autore) un articolo di Alberto Giovanni Biuso, che fa il punto sulla situazione che si è venuta a creare nell’Ateneo di Catania a seguito del reintegro disposto dal giudice del lavoro del dott. Lucio Maggio nella sua funzione di Direttore Generale, dopo il suo “licenziamento”, disposto dal Rettore prof. Giacomo Pignataro, del quale qui si era data notizia. Sulla vicenda in generale e sul suo significato si era intervenuto in precedenza (vedi i link 1 e link2), cercando di capirne le motivazioni di fondo. Per completezza, informiamo che i proff. Febronia Elia ed Enrico Iachello, che sinora hanno contrastato all’interno del Consiglio di Amministrazione le decisioni del Rettore e sostenuto l’illegittimità dei provvedimenti da questo assunti, hanno inviato in data odierna alla comunità accademica una lettera aperta nella quale – auspicando una “riflessione politica serena” – chiedono una «assunzione di responsabilità politiche da parte del rettore che invece tende a sottrarsi a questa riflessione ostinandosi a percorrere sino all’estremo la via giudiziaria». E infine, pur auspicando una «ricomposizione politica della frattura nel pieno rispetto delle reciproche prerogative dei protagonisti», concludono che «di fronte all’ostinazione di una delle parti, con il rischio di conseguente paralisi dell’attività accademica, forse bisogna invitare il rettore in modo definitivo a cambiare atteggiamento o a farsi da parte». Insomma un invito o a darla vinta al dott. Maggio o a dimettersi, dando così voce a chi da questa vicenda vorrebbero trarre l’occasione per una messa in discussione degli equilibri politici nell’Ateneo. Da parte sua il dott. Maggio – tanto per favorire quel clima di serena discussione e di ricomposizione politica auspicato nella succitata lettera – ha disposto in modo autocratico la nomina di quattro superdirigenti – Giuseppe Caruso, Vincenzo Reina, Rosanna Branciforte e Armando Conti – affidando alla “Giunta della direzione generale” da essi composta insieme allo stesso Direttore, il coordinamento di diverse aree, rispettivamente suddivise in attività istituzionali, finanziarie, provveditorali, affari generali e gestione del personale, riservandosi il Direttore generale la sovrintendenza delle aree tecniche. Inoltre, con un secondo provvedimento il dott. Maggio ha stabilito che gli spetta «in via esclusiva ogni attività di raccordo con gli organi di indirizzo politico-amministrativo». Insomma, un modo per ribadire il proprio ruolo e far capire che all’università non si deve muover foglia che il Direttore non voglia. Ma anche una risposta a quelle riforme dello Statuto d’Ateneo e dell’amministrazione dell’università di Catania – fortemente volute dagli elettori che avevano sostenuto l’attuale Rettore – che avrebbero portato a una maggiore partecipazione democratica e a una direzione meno centralistica della vita scientifica, didattica e amministrativa. Riforme che proprio in questo periodo stavano per essere implementate, avendo avuto il nuovo Statuto via libera dal Ministero per l’Università e la Ricerca Scientifica ed essendo in corso il riassetto amministrativo.

Novelle dal ducato in fiamme

di Alberto Giovanni Biuso

L’argomento è serio e piuttosto triste ma ho scelto un titolo gaddiano -che ora è compreso nella raccolta Accoppiamenti giudiziosi– perché si tratta anche di un argomento un po’ grottesco. L’Ateneo di Catania, nel quale ho il piacere e la responsabilità di insegnare e fare ricerca, sta infatti attraversando un momento particolare, per comprendere il quale può forse essere utile leggere un documento assai vivace del Cuda (Coordinamento di docenti, amministrativi, studenti, strutturati e precari dell’Ateneo di Catania per un’Università pubblica libera, aperta e democratica).
Per capire ciò di cui parla questo testo credo sia opportuno riepilogare i risultati delle elezioni per la carica di Rettore che si tennero il 21 e il 28 febbraio 2013, risultati che sono pubblicamente consultabili qui: http://www2.unict.it/elezioni/index.php
La prima cifra si riferisce ai voti ottenuti nella prima tornata, la seconda cifra a quelli della seconda tornata, dopo il ritiro del secondo classificato -Prof. Giuseppe Vecchio- dalla competizione elettorale.

Riepilogo dei voti per singolo candidato (Dati consolidati)
Vittorio Calabrese: 2 – 15
Enrico Iachello: 108 – 13
Giacomo Pignataro: 745 – 1225
Giuseppe Vecchio: 661 – 112
Bianche: 25 – 72
Nulle: 15 – 28

Il testo del Cuda fa riferimento a ciò da cui la vicenda è nata, vale a dire una sentenza emessa lo scorso 18 novembre dal giudice del lavoro Patrizia Mirenda in merito al ricorso del Dott. Lucio Maggio contro l’Ateneo di Catania per il suo reintegro nell’incarico di Direttore generale. Credo sia importante conoscere l’effettivo contenuto di tale sentenza.
«Le doglianze poste a base dell’affermazione secondo cui la revoca dell’incarico sarebbe stata irritualmente assunta non sembrano fondate, dovendosi evidenziare, da un lato, che la revoca deliberata dal CdA non costituisce l’esito di un procedimento disciplinare (con la conseguenza che non sono pertinenti gli argomenti spesi dal ricorrente in ordine alla insussistenza di un vincolo di subordinazione gerarchica del direttore generale rispetto al CdA), venendo in rilievo, piuttosto, la responsabilità dirigenziale del direttore generale dell’Ateneo siccome configurata dall’art. 11 comma 6 del vigente Statuto, e, dall’altro, che sembrano essere state rispettate le garanzie procedimentali previste dal detto articolo» (p. 18).
«Ciò premesso, deve osservarsi che l’assunto del ricorrente secondo il quale l’avvio della procedura disciplinata dall’art. 11 comma 6, dello Statuto, ove non preceduta da un preventivo accertamento delle accuse da parte di un organo terzo, si tradurrebbe nell’esercizio di un potere disciplinare del tutto abusivo, è privo di fondamento» (pp. 18-19)
«Reputa questo giudice che anche sotto tale aspetto le doglianze del ricorrente non siano condivisibili giacchè se è vero che il CdA diede mandato al rettore di contestare le sole gravi irregolarità connesse con la vicenda della proroga dei contratti a termine dei dirigenti, l’articolo 11 comma 6 dello Statuto non prevede che il rettore debba ricevere dal CdA un mandato che individui previamente l’oggetto della contestazione». (p. 20)
«Le considerazioni sopra esposte inducono ad escludere la ricorrenza del fumus boni iuris rispetto alla dedotta illegittimità, sotto il profilo del rispetto delle garanzie procedimentali, della delibera di revoca dell’incarico di direttore generale» (p. 20)
«Le considerazioni espresse appaiono sufficienti a far ritenere, pur nella sommarietà che connota tale fase, la parvenza del buon diritto in capo al ricorrente e ad escludere la ricorrenza dei presupposti voluti dallo Statuto e dal contratto per la revoca dell’incarico» (p. 25)
«Reputa il Tribunale che il ricorrente abbia fornito elementi concreti da cui desumere sia l’allegata impossibilità di conservare integro il bagaglio professionale acquisito e la perdita di chance di carriera e di potenzialità occupazionali, sia, e soprattutto, la lesione della propria immagine professionale» (26) E qui il giudice sembra chiaramente riferirsi alla parte del ricorso nel quale il ricorrente lamenta «un serio impoverimento del suo bagaglio professionale impedendone l’ulteriore sviluppo e impedendogli di iscriversi nell’elenco degli idonei alla nomina di direttore generale o di direttore amministrativo delle aziende del servizio sanitario della regione Sicilia» (p. 12).

Si tratta, come si vede, di una sentenza circoscritta, della quale lo stesso giudice evidenzia per ben quattro volte la natura ancora «sommaria» (pp. 17, 24 e 25 [due ricorrenze]). L’aggettivo giustamente usato dal Rettore Pignataro in una sua mail del 28.11.2014 -«fantasioso»- va dunque attribuito non soltanto ad alcune interpretazioni giornalistiche della sentenza ma pure alle tesi di qualche amico del Dott. Lucio Maggio. Si tratta di interpretazioni anche provocatorie. Aggettivo, quest’ultimo, che va inteso sotto la fattispecie della figura retorica dell’eufemismo. A chi fosse interessato sono pronto a inviare il testo completo della sentenza.

(da un barlume di fasto)

Scrivi