L’aumento del biglietto brt ha provocato una vera e propria onda d’urto che non sta lasciando scampo all’amministrazione. A far sentir la loro voce e il loro disappunto sono oggi gli esponenti di Fratelli D’Italia, Manlio Messina e Ludovico Balsamo.

brt“Evidentemente questa DisAmministrazione non trova altro modo, per compensare ai disastri che combina, che far pagare il prezzo sempre ai cittadini. La linea Brt , voluta dall’Amministrazione Stancanelli e dalla stessa realizzata, è stato un primo vero passo di innovazione per la mobilità catanese, basti pensare ai numeri dei primi anni per capire quanto questo servizio fosse utile. In centro si arrivava in appena sette minuti ed oltre 5 mila utenti ne godevano giornalmente.

Poi è arrivata la scelta irresponsabile di abbattere il ponte che, oltre a distruggere definitivamente la viabilità in città, ha avuto ripercussioni gravissime sulla Brt rallentando in maniera irrimediabile i tempi di percorrenza che oggi si attestano sui 23 minuti, quasi il 300% in più rispetto ai primi anni. Così come i disastri che stanno continuamente colpendo l’azienda Amt che giornalmente tagli linee e riduce percorsi per far fronte ai disastri inenarrabili compiuti da chi guida l’azienda e nominato da questo Sindaco. Ovviamente per tutto ciò nessuno paga e per tutto ciò nessuno si dimette, tanto a pagare questi errori saranno i cittadini.

Un po’ come la vicenda Sostare, da quando si è insediata questa nuova Giunta e questo nuovo consigli di Amministrazione la Sostare è in deficit e per recuperare soldi pensano di aumentare il costo delle strisce blu del 20%. Un atteggiamento che denota tutta l’incapacità di chi guida questa città, Sindaco e Giunta e dei nominati alla guida delle partecipate, e che speriamo di mandare a casa molto presto. Ci auguriamo che nel mentre si decida di Tornare indietro su questa scelta dell’aumento del costo del biglietto della Brt e quella delle strisce blu senza se e senza ma, diversamente in aula faremo capire e faremo sentire la voce dei cittadini, e non sarà certamente una voce amica”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi