“Abbiamo finito la nostra stagione, ma non chiudiamo i nostri sogni in un cassetto”.

Così dichiara il manager del Paternò Red Sox baseball, Riccardo Messina, dopo la fine delle due partite disputate sabato contro il Collecchio. Le gare, giocate fuori casa, hanno decretato l’uscita dai play off scudetto.

La gara 1, giocata nel pomeriggio, si è chiusa a favore della squadra avversaria con il punteggio di cinque a uno; vedendo i ragazzi del manager Messina poco attivi.

Anche la gara 2 ha visto un the end positivo per gli avversari, aggiudicandosi la partita per sei a due, ma fino al sesto inning a padroneggiare sono stati i siciliani.

Al settimo inning, cambio del lanciatore paternese. Sul monte di lancio, al posto di Giuseppe D’Ignoti, sale Franklyn Torres che però, questa volta, non è riuscito a tenere a bada le mazze avversarie.

Poco proficuo anche l’attacco paternese che non è riuscito a portare in casa base più di due punti.

“Malgrado il finale possa sembrare, per chi guarda dall’esterno, negativo per me la stagione è stata ottima– dichiara Messina- . Non erano sfide semplici e i ragazzi si sono approcciati per la prima volta ad una categoria superiore pagando, all’inizio, la loro inesperienza ma recuperando velocemente nel corso della stagione. Siamo comunque riusciti a guadagnare il terzo posto in classifica e l’ingresso ai play off scudetto. Non era semplice, ma ci siamo arrivati. Sono soddisfatto del lavoro svolto da tutti i giocatori. Non ci fermeremo e punteremo ancora più in alto.

Anche la dirigenza si è mostrata fiera dei giocatori e di come ha lavorato l’intero staff.

Scrivi