di Umberto Pioletti

 

Passalacqua Ragusa inarrestabile nella serie A1 di basket femminile. Il quintetto diretto da coach Nino Molino centra la nona vittoria consecutiva di questo splendido inizio di stagione. L’aquila biancoverde vola ad alta quota. A San Martino Di Lupari, contro la terza forza del campionato, le iblee sfiorano i 100 punti. La sfida si chiude sul 96 a 52 per la squadra siciliana, leader della classifica con due punti di vantaggio sulle campionesse d’Italia in carica della Famila Schio. Il tecnico Molino può ritenersi soddisfatto anche per le risposte che, ogni domenica, arrivano dalla panchina.

Virginia-GalbiatiSe infatti contro Schio si erano messe in evidenza Valerio e Gonzalez, domenica scorsa è stata la volta di Virginia Galbiati, con 15 punti messi a segno. E se nelle prime partite di campionato la squadra si era messa in luce per l’ottima intensità difensiva, adesso sono anche le percentuali in attacco che cominciano a farsi sempre più convincenti. Ragusa sogna ad occhi aperti. “E’ stata davvero una prestazione di grande qualità – commenta Nino Molino -. Un messaggio positivo perché è chiaro che dopo una vittoria importante come quella della domenica precedente con Schio ci poteva essere il rischio di un leggero calo di tensione. Ed invece c’è stata una risposta eccellente da parte di tutta la squadra, sia per la vittoria sia per la stessa qualità della partita giocata. Una prestazione sicuramente importante anche dal punto di vista delle scelte di tiro e delle percentuali. A differenza delle ultime partite, dove avevamo giocato prevalentemente con molto gioco interno, a San Martino abbiamo trovato anche ottime conclusioni perimetrali ed abbiamo fatto diventare facile una gara che sulla carta non lo era affatto. Non posso essere che soddisfatto”. Domenica pomeriggio Ragusa cercherà il “pass” per la Final Four di Coppa Italia contro il Cus Cagliari. Al PalaMinardi il via alle ore 18.

In serie A2 Gold maschile ottima prova del Barcellona Pozzo di Gotto, che nella nona giornata d’andata ha battuto Trapani con il finale di 76 a 74 dopo un tempo supplementare. Semaforo rosso, invece, per la Fortitudo Agrigento superata a Trieste per 75 a 70.

Scrivi