BELPASSO (CT) – Dopo 14 giorni di sciopero, la Cavicondor S.p.A di Belpasso ha ritirato i licenziamenti dei quattro lavoratori che si erano ritrovati a perdere l’occupazione senza consultazione preventiva con i sindacati. Si ritengono dunque soddisfatti i rappresentanti sindacali di Filctem Cgil, Jerry Magno, Femca Cisl, Giuseppe Coco, Uiltec Uil, Alfio Avellino, che dichiarano anche di “appezzare il senso di responsabilità dell’azienda”. È stato infatti attivato un periodo di cassa integrazione al fine di procedere alla riorganizzazione dell’azienda. “Hanno vinto la compattezza di lavoratori e sindacati e il buon senso”, commentano i rappresentanti che hanno affiancato i lavoratori di Belpasso in questi giorni. Prima dello sciopero i sindacati avevano proposto l’attivazione di contratti di solidarietà con conseguente diminuzione dell’orario al fine di mantenere i posti di lavoro. Ma l’azienda aveva preferito i licenziamenti e l’addossamento di parte del monte orario legato al lavoro dei quattro licenziati, ai rimanenti lavoratori.

rmdn
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi