BELPASSO (CT) – L’Amministrazione comunale ha avviato un programma di bonifica in alcune microdiscariche di rifiuti. Tra le varie zone interessate, in particolare oggi è stato ripulita la Strada Provinciale 120 che da Belpasso conduce sull’Etna, nel tratto a partire dagli impianti sportivi di Borrello e fino all’altezza della località San Leo, in pieno Parco dell’Etna.

 «Mettiamo in campo per l’ennesima volta uomini, mezzi e risorse – ha commentato il sindaco, Carlo Caputo – a causa dell’inciviltà di tanti che continuano a riversare rifiuti nelle strade. Uno spettacolo indecoroso, un danno per l’ambiente e per la nostra immagine. Non a caso abbiamo iniziato anche dalla via di collegamento tra Belpasso e l’Etna, perché è il primo biglietto di presentazione per i turisti che visitano il vulcano attraversando il territorio di Belpasso. Non possiamo permetterci di accoglierli tra i rifiuti e ciascuno deve fare la propria parte. Il Comune lo sta facendo con questa operazione di pulizia straordinaria e allo stesso tempo con le ‘fototrappole’ che sono state già posizionate in alcune aree, nell’ambito di un’attività investigativa curata dalla nostra Polizia Municipale. Si tratta di telecamere mobili nascoste che riprenderanno gli incivili, i quali saranno individuati e verbalizzati. Non possiamo continuare a consentire che mentre il servizio di raccolta differenziata procede puntando a una sempre maggiore efficienza, mentre ricaviamo percentuali lodevoli sui risultati del riciclo dei rifiuti grazie all’impegno quotidiano della gran parte dei cittadini, ci sia ancora gente che si permette di sporcare, inquinare e costringerci a costi extra per ripulire».

 Nell’occasione della bonifica, il sindaco ha richiamato il triste episodio dei due turisti provenienti dal Nord Italia che hanno scritto, quest’estate, alle autorità per denunciare la sporcizia nel Parco dell’Etna. «Avevano i loro buoni motivi per  lamentarsi – ha affermato Caputo – anche se quella critica non era rivolta al nostro comune ma all’intero territorio. Presto scriverò ai due turisti per informarli che c’è un sindaco che sta lottando contro gli incivili, c’è una Comunità, quella belpassese, che ama il proprio territorio e che qui potranno trovare tutta l’accoglienza e la pulizia che merita un visitatore. Li inviterò a tornare qui quando vorranno, a visitare Belpasso e il nostro percorso delle 100 Sculture, perché l’immondizia che hanno visto non rappresenta il territorio. Abbiamo ben altre ricchezze e sapremo farle apprezzare, mettendo ai margini l’inciviltà».


-- SCARICA IL PDF DI: Belpasso, contro le discariche telecamere mobili --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata