“Quello che conta per noi”

Impegno, entusiasmo, curiosità, autonomia di pensiero: sono le parole chiave del messaggio di benvenuto del rettore Giacomo Pignataro alle matricole dell’a.a. 2014/15. Ad augurare loro buona fortuna c’era anche una “collega” un po’ speciale: la campionessa del mondo di spada Rossella Fiamingo

«Rossella Fiamingo è una studentessa di cui siamo molto orgogliosi, come siamo orgogliosi di tutti i nostri studenti».

Inizia così il messaggio del prof. Giacomo Pignataro alle matricole dell’a.a. 2014/15, che il rettore – come l’anno scorso – ha voluto indirizzare attraverso un video della web tv d’Ateneo.

E Rossella – fresca vincitrice della medaglia d’oro nella spada individuale ai mondiali di scherma di Kazan – è lì, accanto al Magnifico. A testimoniare che il risultato si raggiunge con con lo sforzo e con l’impegno.

«Perché – riprende il rettore – la possibilità di ottenere risultati importanti appartiene a tutti. E l’università non è fatta per creare geni, persone straordinarie, eroi. L’educazione universitaria, come scriveva il teologo John Henry Newman, è il mezzo per un fine grande ma ordinario: mira ad elevare il tono intellettuale della società, a coltivare lo spirito pubblico, a raffinare il gusto, a fornire principi veri all’entusiasmo dei giovani».

“Impegno”, “risultato”, “entusiasmo”, “curiosità”, “passione”, “autonomia di pensiero” sono stati i sostantivi più ricorrenti nella tag cloud del benvenuto alle matricole dell’Università di Catania. L’altro aspetto dominante del discorso del rettore è stato l’invito a considerare l’università come il regno dell’interdisciplinarità, il luogo in cui si coltivano tutti i settori del sapere in maniera non isolata e indipendente, ma in modo tale che questi saperi possano fondersi e completarsi a vicenda.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi