BIANCAVILLA – Stamane i Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti all’interno di un supermercato della città e disponendo il ritiro dal commercio delle scorte di un marchio di acqua effervescente naturale.
Il fatto dopo la denuncia, avvenuta ieri sera, di una 22enne di Belpasso che qualche giorno fa avrebbe acquistato una confezione d’acqua, nell’esercizio commerciale in questione, accusando nausea, crampi e bruciori di stomaco dopo averla bevuta. La donna è finita in ospedale, prima al “Santissimo Salvatore” di Paternò e poi al “Vittorio Emanuele” a Catania, dove è stata tenuta sotto osservazione medica e poi dimessa all’alba di oggi.
I Carabinieri hanno disposto tutti gli accertamenti del caso. Da un primo controllo sulle bottiglie di acqua acquistate dalla 22enne non sono emersi segni di manipolazione. Ulteriori e approfondite analisi sono in corso per verificare eventuali contaminazioni anche dell’acqua ritirata dal commercio.
Si tratta ad ogni modo di un caso isolato e come detto tutta l’acqua è stata ritirata dal commercio in via preventiva per cui non è più presente tra gli scaffali del supermercato.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi