BIANCAVILLA − I Carabinieri della Stazione di Biancavilla hanno arrestato, nella flagranza, un bracciante agricolo di 42 anni, reo di maltrattamenti in famiglia e detenzione di arma clandestina.
La donna, di 33 anni, soprattutto per tutelare il figlio, ieri sera ha deciso di denunciare il consorte ai Carabinieri raccontando di condotte violente ed intimidatorie reiterate nel tempo, costellate da aggressioni fisiche e minacce a mano armata. I militari, acquisita la denuncia, hanno eseguito immediatamente delle perquisizioni nei confronti del denunciato rinvenendo una pistola, originariamente a salve ma alterata nei congegni di sparo, nonché un coltello di quasi 18 centimetri. Le armi sono state sequestrate mentre l’arrestato, in attesa di giudizio, è stato ristretto ai domiciliari nell’abitazione di alcuni familiari.

Scrivi