20151205_004138
Etna-Continua l’intensa attività parossistica, nella giornata di ieri sono caduti 7000 metri di cenere, che hanno creato disagi alla circolazione dei motoveicoli a Giarre, dove la cenere vulcanica rischiava di creare incidenti stradali, e la sospensione del traffico aereo dell’Aeroporto Fontanarossa a Catania.
L’aeroporto di Catania è stato chiuso per la cenere lavica che il vulcano continua ad emettere dai crateri sommitali, in particolare i settori di volo B2 e B3 con rateo zero su Catania (nessun atterraggio-nessun decollo).
L’unità di crisi dello scalo internazionale si riunirà domani, 5 dicembre, alle 6.00 per valutare sulla riapertura.
È tuttora in corso un nuovo violentissimo parossismo, il terzo delle ultime 36 ore, con violentissimi boati. Le fontane di lava sono molto alte e spettacolari. L’ennesima nube di cenere si muove verso il limite della stratosfera. Dopo aver attraversato tutta la Calabria, la nube di cenere
provocata dall’eruzione dell’Etna sta raggiungendo Puglia e Basilicata dove arriverà a provocare una pioggia di cenere nera al suolo.
Anna Agata Mazzeo

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi