Credibilità, rigore finanziario e professionalità ad alti livelli, nella convinzione di aver costruito una squadra che possa raggiungere i traguardi sportivi prefissati a inizio stagione. Pippo Bonanno, intervenuto in conferenza stampa a Torre del Grifo, tocca moltissimi argomenti, da quello più rognoso della proprietà del club all’esordio stagionale di Matera. Il direttore generale rossazzurro, tornato a Catania “per il grande amore che lo lega alla città e alla maglia”, si è detto fiducioso per il futuro, pur restando cauto e ben lungi dal fare proclami. Una nota a margine su De Rossi e Ramos, esclusi dalle liste presentate alla Lega per questioni numeriche: “Avevamo dei giocatori come Bastrini e Bergamelli non al meglio della condizione, abbiamo dovuto fare delle scelte, prendendo Pelagatti all’ultimo per non rischiare di rimanere senza centrali”.  La gara contro l’Ischia, prevista in un primo momento per sabato 26 settembre, è stata spostata a domenica pomeriggio.

Di seguito le dichiarazioni del dg Bonanno:

“Abbiamo costruito una squadra competitiva, che già a Matera, pur non giocando una partita spettacolare, ha fatto capire quali sono le sue caratteristiche. Io mi reputo molto soddisfatto del mercato che abbiamo fatto. Abbiamo abbattuto un monte ingaggi di quasi 20 milioni di euro!
Non vogliamo esaltarci troppo per la vittoria ottenuta alla prima giornata: il nostro unico grande obiettivo è quello di riacquistare credibilità, passo dopo passo, facendo parlare i fatti.

Sulla proprietà posso dire che qualcuno si è mosso per avere informazioni, anche se ancora è presto per capire cosa succederà. In settimana si potrebbe fare un bilancio e stabilire il valore del Catania Calcio.

Avevamo, dal punto di vista economico, delle importanti scadenze che abbiamo rispettato e che ci permettono di respirare. In un anno e mezzo ci si può riprendere completamente”.

Scrivi