di Elisa Guccione

CATANIA- Sono oltre duemila i catanesi aventi diritto al bonus casa, che si sono presentati in banca per ricevere un sostegno economico per l’anno 2011. La somma che i cittadini, in media, hanno ricevuto oscilla tra i trenta e i quaranta euro ma c’è chi addirittura allo sportello ha ritirato solamente dieci euro. «Le nostre sedi – spiegano i responsabili del Sunia, Sindacato Nazionale Unitario Inquilini ed Assegnatari, e del Sicet, Sindacato Inquilini Casa e Territorio – sono state prese d’assalto dai vari locatari prima per l’enorme ritardo nel pagamento e poi per l’irrisoria cifra stanziata». I destinatari di questo progetto sono tutti coloro che hanno affrontato le spese di locazione con un reddito basso, per agevolare chi in questo momento sta soffrendo più degli altri dell’imperante crisi economica. Nel 2012 il Tribunale di Catania ha decretato più di mille sfratti esecutivi per morosità e il problema casa resta il più delicato e difficile da risolvere.

«Quando il patronato, presso cui ho istruito la pratica di accesso al bando contributo casa, mi ha avvertito che finalmente avrei ricevuto i soldi ero felice – racconta Piera, una sessantenne vedova, senza figli, che ancora non percepisce neanche la pensione –. Pensavo che avrei potuto risolvere qualcosa e invece quando mi hanno consegnato dieci euro non sapevo se ridere o piangere». Nella stessa situazione molti altri nostri concittadini. «Sono stato uno dei pochi fortunati – afferma con sarcasmo Antonio muratore cinquantacinquenne con a carico moglie e tre figli –: ho ricevuto ben trentasei euro e trentasei centesimi. Non penso che questa cifra possa aiutare a migliorare la situazione della mia famiglia. Tutto questo è davvero un’offesa alla dignità umana». Contributi-affitto

I sindacati hanno provato a cambiare la situazione, chiedendo sia al precedente Governo Regionale che alla precedente Amministrazione Comunale di modificare la cifra, come è accaduto in molte altre Regioni e Comuni del nostro Bel Paese, senza ottenere però risultati. Alla Regione Siciliana per l’anno 2011 sono stati assegnati solo settecentomila euro contro i dieci milioni di euro destinati nel 2010. «La situazione sta diventando ogni giorno più difficile – aggiungono Sunia e Sicet –  è necessario che Governo, Regione e Comune facciano qualcosa per risolvere il problema casa, perché ogni giorno la città si popola di nuovi senzatetto in quanto mancano gli aiuti necessari per sopperire a grandi situazioni di disagio come quella che stiamo vivendo».

Elisa Guccione

Scrivi