BRONTE – Sono stati attimi di paura allo stato puro stamane a Bronte per via di un incidente che ha coinvolto, suo malgrado, un bambino di soli due anni. Sembrerebbe che il piccolo stesse giocando nel giardinetto di un’abitazione in via Achille Grandi, zona Borgonovo, quando, è caduto all’interno di una cisterna la cui botola sembrerebbe essersi rotta. Un serbatoio, profondo e pieno d’acqua fredda. È stata la madre del bambino che , non vedendolo più nei dintorni, ha lanciato l’allarme e poco dopo il ritrovamento: lì in fondo alla cisterna.
Non è ancora chiaro quanti minuti siano passati (ma sembrerebbe non molti per fortuna) dal momento dell’incidente a quello in cui ci si è accorti dell’accaduto; fatto sta che nel giardino dell’abitazione si trovavano a lavorare alcuni muratori che, in attesa dei soccorsi, si sono calati nella cisterna sollevando fuori il bambino.
In via Achille Grandi sono giunti i Vigili del Fuoco ed i Carabinieri, nonché un’ambulanza del 118 che ha soccorso e trasportato il bimbo, già cianotico, presso il locale ospedale “Castiglione Prestianni” dove è stato rianimato, stabilizzato ed intubato per poi essere condotto presso il nosocomio catanese “Cannizzaro” grazie all’intervento dell’eliambulanza. Il piccolo si trova adesso nel reparto di rianimazione pediatrica dell’ospedale “Garibaldi” in prognosi riservata e sotto stretto controllo medico.

Scrivi