Ennesimo incidente lungo la strada Statale 284. Un violento impatto frontale avvenuto tra un’auto ed un furgone nel primo pomeriggio di oggi in contrada Rocca Tufano in territorio di Bronte.
Rimane al momento riservata la prognosi, ma non sarebbe in pericolo di vita il 49enne (di nazionalità romena) che si trovava alla guida dell’auto e che è stato trasportato in elisoccorso presso l’ospedale Cannizzaro a Catania dove è tenuto sotto stretta osservazione medica.
Trasportato in ambulanza nel nosocomio brontese per lievi ferite, invece, il 35enne che si trovava al volante del furgone (sul quale viaggiava insieme ad un altro uomo, entrambi biancavillesi. Rientravano dalla giornata di lavoro al mercato di Bronte).
Ancora tutta da chiarire l’esatta dinamica del sinistro ma sembrerebbe che l’auto, una Peugeot 106, abbia invaso la corsia di marcia opposta (dopo una curva) centrando in pieno e frontalmente il furgone che viaggiava in direzione Adrano. L’impatto sarebbe stato così violento da far balzare l’auto facendola rimanere in bilico sul guard rail . È occorso l’utilizzo di cesoie e parecchio tempo ai Vigili del Fuoco del distaccamento di Adrano, giunti sul posto, per estrarre il 49enne dalle lamiere dell’auto.
L’uomo stabilizzato dagli operatori del 118 è stato trasportato in eliambulanza all’ospedale catanese. Per lui fratture multiple, contusioni varie e prognosi riservata.
Una seconda ambulanza ha invece condotto il conducente del furgone presso l’ospedale Castiglione Prestianni a Bronte per curare lievi contusioni ed escoriazioni. L’uomo che viaggiava nel lato passeggeri del furgone si è invece recato solo in un secondo momento in ospedale per i controlli, anche per lui fortunatamente niente di grave.
Sul posto per i rilievi del caso i Carabinieri ed in supporto a questi ultimi i Vigili Urbani di Bronte. Lunghe file di auto si sono registrate in entrambe le direzioni di marcia del tratto Adrano-Bronte.
Insomma oggi si è davvero sfiorata la tragedia lungo la statale 284 teatro purtroppo quasi giornalmente di incidenti.

Alice Vacc

Scrivi