20150902_154040png
Polizia Postale – Il Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni “ Sicilia Orientale” ha denunciato in stato di libertà, per istigazione alla discriminazione razziale, un giovane (G.L.) di 20 anni, studente, residente in provincia di Caltanissetta e incensurato.
In base a quanto appurato, il giovane divulgava online notizie basate su atti criminali compiuti sempre e solo da extra comunitari, a danno di cittadini italiani, soprattutto catanesi.
Notizie prive di fondamento, pubblicate e, successivamente condivise, sui vari blog e profili dei social network.
“Il divulgatore”, questo lo pseudonimo dietro il quale si celava con una foto della maschera di “V per Vendetta”, ha dichiarato di non avere alcun risentimento nei confronti di soggetti di diverse nazionalità e che lo scopo della sua attività era quello di attirare il maggior numero di visitatori, guadagnando visibilità e compensi economici derivanti dai banner pubblicitari.
A guardare “Il blog senza peli sulla lingua”, privo di articoli grazie all’intervento della polizia postale, il numero delle condivisioni era parecchio elevato: 533707 condivisioni.
20150902_154249png
Attraverso il clickbait, il divulgatore di notizie false, guadagnava centesimo dopo centesimo, giorno dopo giorno, utilizzando titoli creati ad hoc per suscitare nei lettori sentimenti di disprezzo e odio razziale.
Le indagini sono state avviate in seguito alla denuncia di un giornalista locale, che, dopo aver appurato la totale infondatezza delle notizie riportate dal giovane impostore, ha pensato di
segnalare immediatamente il tutto alle autorità competenti.
Queste notizie trovano spesso terreno fertile, sfruttando l’onda emotiva che, fatti gravissimi come l’omicidio dei due coniugi di Palagonia avvenuto nei giorni scorsi ,e per cui è in stato di fermo un immigrato ivoriano, suscita nel cittadino.
Il settore dell’informazione e della comunicazione è stato protagonista, negli ultimi anni, di una grande rivoluzione innescata da rilevanti innovazioni tecnologiche, un cambiamento di enorme portata, che realizza nuove opportunità di espansione nella libertà di comunicazione.
Chiunque ha la possibilità di aprire un blog e scrivervi ciò che vuole, ma occorre ricordare che, questa libertà non può essere in nessun caso utilizzata per ingannare i lettori con notizie spudoratamente false e tendenziose .
Ogni giorno veniamo bersagliati da una mole incredibile di informazioni. Viviamo perennemente connessi ed esposti al rischio di incappare in bufale e fregature di tutti i tipi. Per difendersi basterebbe verificare le fonti di ciò che si legge e, laddove non sia possibile risalirvi, sottoporre comunque tutto ad un forte vaglio critico .
Caro lettore, sei chiamato a divenire più consapevole e scaltro!

Non tutti conoscono le strategie utilizzate da chi gravita nel mondo della comunicazione. Per quest’ultimi diventa spesso difficile riconoscere una notizia falsa da una vera, ma la cosa più squallida è constatare che anche chi possiede tali conoscenze, non le applica.
Una bugia, è risaputo, rende più della verità!
Wanna Marchi docet!

Dunque,caro lettore, scegli con più accuratezza le fonti da cui attingere le informazioni, verifica attraverso il sito dell’Agenzia Nazionale Stampa Associata (A.N.S.A.) e boicotta tutti quei siti di disinformazione con titoli ambigui e fuorvianti, che tentano di catturare la tua attenzione.

Più click di qualità, che like in quantità!
Anna Agata Mazzeo

Scrivi