Non c’è giorno che personaggi politici di ogni calibro e colore non facciano qualche promessa che sanno benissimo che non manterranno. Il campionario è vastissimo e all’altezza della proverbiale italica creatività: boom di posti di lavoro e ripresa economica, strade pulite e migliori trasporti urbani, città più sicure e stop alla corruzione e al clientelismo, lotta all’evasione fiscale, meno sperperi e meno tasse, e così via.

Le promesse procurano al pubblico momenti di euforia a cui corrispondono, per il promettitore, momenti di popolarità; ma, a causa delle puntualissime delusioni, l’effetto di ogni promessa svanisce sempre più rapidamente e allora, come per le droghe, bisogna somministrarne in dosi più massicce.

Arriva però il momento che la giostra di minkiate raggiunge una velocità tale che le bugie che impregnano i politici vengono sparate via, un po’ come la centrifuga che in lavatrice strizza via l’acqua dalle mutande.

E chi ci aveva creduto si ritrova frustrato, sfiduciato e senza armi con cui punire il millantatore.

E allora?

E allora non ci rimane che chiedere aiuto al grande Eduardo.

Guardate il video e… mi raccomando, imparate la tecnica.

Carlo Barbieri

 

Scrivi