Immagine

 

 

 

 

 

 

A Catania la settimana è iniziata con la conferenza stampa finale realizzata in merito al progetto G124 BAL: Buone azioni per Librino. Un’opera di riqualificazione urbana, quella di cui è protagonista Librino, voluta dal team selezionato dal’architetto Renzo Piano e che è stata consegnata al quartiere.

L’evento, presentato presso la Club House “Giuseppe Cunsolo” dalla giornalista Chiara Borzì, ha raccolto molteplici adesioni, i primi ospiti a partecipare sono stati i bambini dell’istituto comprensivo “Vitaliano Brancati”, la cui sede si trova proprio nelle adiacenze. Un incontro di sinergie tra le istituzioni e il territorio, l’architetto Roberta Pastore e l’urbanista Roberto Corbia seguiti dall’architetto tutor Mario Cucinella che, insieme al sociologo urbano dell’Università di Catania Carlo Colloca, hanno presentato agli intervenuti quanto è stato realizzato per il progetto di “rammendo” sociale. Da una fase iniziale di progettazione partecipata che ha coinvolto i singoli cittadini, le amministrazioni, le università, le associazioni di categoria e il terzo settore, nonché i custodi affidatari del campo, i Briganti Rugby di Librino, in cui ciascuno ha messo a disposizione le proprie competenze, si è giunti a realizzare questo meraviglioso progetto inedito di riqualificazione del territorio.

Sono state infatti consegnate al quartiere le opere frutto del workshop “Giochi di strada”: si tratta di 15 creazioni realizzate da designer, architetti, coordinati da Giorgio Laboratore e dall’Accademia Abadir, 4 giorni di lavoro in full immersion per far giocare i bambini in un’area appositamente studiata e realizzata.

A prendere la parola durante l’evento sono stati il sindaco di Catania Enzo Bianco, l’assessore alla Legalità con delega a Librino Rosario D’Agata, l’assessore alle infrastrutture e ai lavori pubblici Luigi Bosco,  Piero Mancuso (organizzatore Briganti Rugby), Salvatore Castoro (ortolano), nonché gli architetti Pastore e Corba che hanno manifestato entusiasmo, e spiegato l’arduo lavoro a cui sono andati incontro.

La settimana è iniziata col giusto entusiasmo e si conclude con altre buone notizie per il territorio di Librino, infatti, come già accennato in precedenza dal sindaco Enzo Bianco, apprendiamo dall’esito della Conferenza provinciale scolastica, presieduta dal commissario della Provincia Regionale Giuseppe Romano, un possibile sviluppo positivo in merito alla creazione a Librino di un Istituto superiore e di due omnicomprensivi. L’idea scaturisce dalla necessità di dare una risposta al problema della dispersione scolastica, confidiamo che il presidente della Regione Rosario Crocetta si impegnerà a tal fine.

Inoltre nell’area circostante a Campo S. Teodoro si è già previsto di realizzare altri 50 ettari di orti urbani da assegnare alle varie associazioni. Educare alla bellezza, al valore della terra e riscattare questo luogo dovrà servire da esempio ad altre realtà ancora oggi trascurate in Sicilia. La vera sfida è continuare su questo filone di sensibilizzazione e valorizzazione del territorio per contaminarne altri.

Anna Agata Mazzeo

Scrivi