Cambiare per ritrovare punti e motivazioni. La voglia c’è e soprattutto è tornato il sorriso nel gruppo rossazzurro. Ma la serenità totale deve arrivare e tornare grazie ai risultati, scacciando lo zero in classifica pesante come un macigno. Brusco ma forse necessario l’esonero di mister Ferrara per cercare di dare quella scossa al gruppo fino ad oggi intorpidito dalle sberle rimediate in campo nelle prime tre gare.

La momentanea panacea individuata nel direttore tecnico ed oggi neo allenatore Andrea Candeloro a cui è’ stata affidata la panchina. Una prima mossa per trovare serenità necessaria in vista della difficile trasferta di sabato, inizio ore 16, contro il forte e imbattuto Sammichele.

I rossazzurri ieri pomeriggio hanno svolto la rifinitura: lavoro atletico votato sulla velocità con e senza palla nella prima parte e successivi approfondimenti tattici nella seconda parte con picchi d’intensità e giro palla voluti da Candeloro. Oggi, nel primo pomeriggio, la squadra partirà alla volta di Bari per poi trasferirsi in una località vicino Sammichele.

L’aria di cambiamento non fa male – afferma l’Under 21 azzurro Marco Marletta – la squadra ha lavorato bene ed è carica. L’esonero di Ferrara dispiace, purtroppo paga l’allenatore l’avvio stentato, ma i primi responsabili siamo noi giocatori che andiamo in campo”

“Candeloro è uno tosto – chiosa Marletta – abbiamo lavorato in maniera totalmente diversa rispetto alle prime settimane. Siamo carichi ma dobbiamo soprattutto ritrovare intensità nel nostro gioco, carisma e personalità nella gestione della gara”

“Sammichele è un avversario difficile, ma non impossibile – chiude Marletta –  dobbiamo dare tutto in campo fino alla fine è sicuramente non vogliamo fare brutte figure. L’obiettivo è muovere questa benedetta classifica”

Tutti abili e arruolati gli uomini di Candeloro, lavoro specifico solo per Fabinho ma il portoghese sarà regolarmente a disposizione della formazione etnea.

Scrivi