Una sconfitta amara, un 5-1 che brucia ad un Mascalucia che ci ha messo l’anima nella sua prima finale di Coppa Italia di Serie C1. La Mabbonath di mister Antonio Gallo vendica la sconfitta dello scorso anno contro la Villa Passanisi con un’ottima partita e bissa la vittoria nella ripresa realizzando quattro delle cinque marcature odierne. La gara non può che aprirsi con ritmi elevati e con i palermitani più attivi in fase offensiva. Il Mascalucia alza il baricentro e si rende pericoloso con Marchese e Rotondo ma Orlando para senza problemi. Alla metà del primo tempo la Mabbonath passa in vantaggio con Andrea Di Trapani, che insacca con un sinistro dai 10 metri dopo aver recuperato palla sulla trequarti offensiva. Il Mascalucia reagisce prontamente e cerca di mettere sotto gli avversari a più riprese con i tiri di Bosco, Rotondo e Marchese, ma Orlando si oppone e conserva il vantaggio. Allo scadere della prima frazione gli etnei hanno la possibilità di pareggiare i conti su tiro libero, ma Marchese spara fuori la ghiotta occasione dai 10 metri.
Nella ripresa i mascalucesi ci credono e passano: Bosco raccoglie una palla sul secondo palo e la scaraventa alle spalle dell’estremo difensore avversario per il gol dell’1-1 che scatena la gioia della panchina biancoblu. Il pareggio, però, non dura molto e la  Mabbonath passa ancora con Benny Napoli, che si infila tra due avversari e batte Mangano di destro. Non passa neanche un minuto che i neroverdi segnano ulteriormente, ancora con Di Trapani, il quale gela gli etnei con un uno-due davvero difficile da digerire. Il Mascalucia non si lascia abbattere e cerca di rimettere in piedi la gara, senza però avere troppa fortuna. I gol di La Rosa e Cipolla chiudono una giornata storta per gli etnei e permettono ai palermitani di alzare con merito la loro prima Coppa Italia di Serie C1. <<Non mi piace cercare alibi – dichiara a fine gara mister Ivan Zinna riferendosi all’assenza di Finocchiaro – La prestazione non è stata delle migliori. Oggi non ho riconosciuto i miei ragazzi e mi dispiace di non aver fatto la gara che il vero Mascalucia deve fare. Onore agli avversari, ora la testa va al prossimo impegno di campionato>>. Non c’è tempo per pensare alla sconfitta, perché sabato Mangano e compagni affronteranno la non semplice trasferta di Capaci, valida per l’ultima giornata d’andata del campionato di Serie C1. Appuntamento al “Rinaldo in Campo” sabato 9 gennaio alle ore 17.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi