Il -9 grava ancora sul Catania. A seguito della sentenza del Collegio di garanzia del Coni, il legale della società rossazzurra, Eduardo Chiacchio, intervenuto ai microfoni di Catanista, non si mostra per niente sorpreso dal verdetto, ma rilancia, promettendo il massimo impegno affinché, anche attraverso il ricorso alla giustizia ordinaria, si possa ridurre la penalizzazione. Nessuna illusione, ma il lavoro continua. Queste le sue dichiarazioni:

“Giocare questa partita in casa della controparte, la Figc, era un’impresa impossibile più che difficile. Io e Giovanni Grasso lavoriamo ormai da mesi portando avanti la nostra strategia. In sede di dibattimento abbiamo fornito le nostre motivazioni e non ci fermeremo, andando sino in fondo, magari chiamando in causa anche la giustizia ordinaria. Come dicevo era praticamente scontato che non ci restituissero nessun punto. Aspettiamo comunque con ansia le motivazioni di questa sentenza. Ne prenderemo atto e continueremo a lavorare. Mi sembra che tutto stia girando storto: è proprio di questi giorni la notizia del rinvio a giudizio di Pulvirenti da parte della Procura della Repubblica di Catania. Siamo soddisfatti per aver evitato alla società etnea il baratro del dilettantismo ma non ci fermeremo qui…” (fonte catanista.eu)

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi