Il Catania del futuro potrebbe parlare messicano. Dopo la lunga parentesi argentina che ha fatto la fortuna del club per molti anni ma che poi ha anche segnato il tracollo dei rossazzurri in Serie B, con il decisivo contributo del patron Pulvirenti, l’America potrebbe giocare di nuovo un ruolo determinante nella storia del sodalizio etneo.  Voci sempre più insistenti trovano conferma: Jorge Vergara, importante imprenditore e produttore cinematografico nonché già proprietario del Chivas di Guadalajara, società sportiva tra le più titolate del Messico, starebbe seriamente vagliando l’opportunità di investire in Italia, acquistando le quote di maggioranza della società di via Magenta. Fasi di approccio ancora primordiali, dopo Integra Consulting e il gruppo Villar, un nuovo e forse più accreditato pretendente da cui ci si aspetta presto una mossa ufficiale.

In un’intervista rilasciata alla testata locale mediotiempo.com, lo stesso Vergara non si nasconde, fornendo un’informazione che sa di vero e proprio colpo di scena. Sarebbe stato infatti il Catania a contattare il ricco messicano per proporre di concludere l’affare. Di seguito le dichiarazioni di Vergara nell’intervento sopracitato:

Ci hanno mandato la proposta e stiamo analizzando. E’ qualcosa di fattibile e siamo in una fase di studio. Serve che i miei collaboratori terminino l’analisi dei numeri. Quanto tempo deve ancora passare per prendere una decisione? Credo una quindicina di giorni; è stato il Catania a cercarmi. 

Abbiamo sempre desiderato una squadra in Spagna o in Italia, in modo tale da poter dare maggior lustro ai giocatori messicani. Necessitiamo di espandere le possibilità e le capacità dei giocatori della nostra nazione e crediamo che giocare in Europa possa essere una grande scuola che li faccia crescere ancora di più”.

Serviranno dunque circa quindici giorni per analizzare con attenzione i numeri del Catania e prendere una decisione definitiva: Vergara volerà presto a Catania oppure no?

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi