Daniele Lo Porto

CATANIA – Nelle ultime due partite interne ha realizzato quattro gol che hanno portato sei punti pesanti (contro il Lecce la sua rete ha chiuso la partita). Si è rivelato come l’elemento più prezioso di questa stagione, insieme al portiere Pisseri che ha contribuito in modo altrettanto determinante ai risultati positivi del Catania. Adesso, Andrea Di Grazia è chiamato alla prova del tre. Deve confermare, ma con ciò senza caricarlo di eccessive responsabilità, che non è un fuoco di paglia, che non è solo l’impeto da catanese con la maglia rossazzurra a spingerlo verso prestazioni importanti, ma anche e soprattutto qualità tecniche e intelligenza tattica. Andrea sta facendo benissimo, in sala stampa dimostra ancora genuina umiltà, ma in campo – speriamo di sbagliare – in un paio di circostanze ha dato la sensazione, conto il Lecce, di cercare il tocco lezioso e la giocata più di effetto che utile. Non ha resistito forse alla tentazione di strappare un applauso facile al pubblico, peccato veniale da espiare  oggi con un’altra prestazione importante e concreta.

Dovrebbe giocare con Paolucci, al momento naturale se non unica alternativa a Calil le cui prestazioni sono palesemente svogliate, nonostante la difesa d’ufficio di mister Rigoli. L’avversario di oggi non è particolarmente temibile, ma la Paganese nasconde l’insidia delle piccole, cioè di essere affrontata con sufficienza dal Catania. Speriamo che in queste ore Lo Monaco e il tecnico sappiamo caricare a dovere la squadra. Ci si aspetta una prova convincente e, inevitabilmente, i tre punti che darebbero ulteriore autostima e un salto avanti in classifica non da poco. S Di Grazia, insomma, è atteso al tris interno, la squadra deve concedere il bis di vittorie consecutive. sarebbe un inedito ed è strano che possa arrivare solo ora per un organico sicuramente importante come quello etneo. Fischio d’inizio alle 16,30. Le probabili formazioni:

CATANIA (4-3-3): Pisseri; Di Cecco (De Rossi), Gil, Bergamelli, Djordjevic; Biagianti, Bucolo, Mazzarani; Di Grazia, Paolucci, Barisic. A disp.: Martinez, De Rossi, De Santis, Manneh, Mbodj, Nava, Fornito, Piermarteri,Scoppa, Silva, Anastasi, Calil, Graziano, Piscitella. All: Rigoli

PAGANESE (3-5-2): Chiriac; Alcibiade, Silvestri, Camilleri; Della Corte, Pestrin, Maiorano, Deli, Cicerelli; Herrera, Reginaldo. A disp.: Coppola, Mansi, Picone, Camilleri, Di Cuonzo, Parlati, Tagliavacche, Mauri, Zerbo, Caruso, Celiento. All: Grassadonia

Arbitro: Chindemi di Viterbo.

Foto calciocatania.it


-- SCARICA IL PDF DI: Calcio Catania, contro la Paganese il tris interno di Di Grazia? --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata