CATANIA – E’ Miguel Ángel Martínez, nato a Madrid il 16 febbraio 1995, l’ultimo acquisto del Catania  Il portiere spagnolo, cresciuto calcisticamente nella “cantera” del Real Madrid, si è legato contrattualmente al nostro club fino al 30 giugno 2018.  Dopo di lui sono attese le firme di Valerio Nava, 22 anni, dell’Atalanta, e di Urban Zibert, 24 anni, sloveno, dell’Akragas. Con loro  il Catania “blinda” due settori del campo: la difesa e il centrocampo, che sarà qualificato anche , dal ritorno di capitan Marco Biagianti. I due calciatori sono dati per vicinissimi al club etneo: trattativa avanzata e più che seria per il primo, esterno destro difensivo; mentre per il secondo, un “pupillo” di mister Pino Rigoli, manca sostanzialmente sola la firma. Entrambi potrebbero essere ufficializzati già nelle prossime ore, i primi nomi ad essere “imbarcati” a Torre del grifo che in questi giorni di immediata vigilia in vista del ritiro che inizierà domenica a Pietralunga.

Nel frattempo ci saranno dei passaggi intermedi: la presentazione della campagna abbonamenti e dei nuovi co-sponsor, questa mattina a Torre del grifo; domani il ritorno di Marco Biagianti, e poi sabato la presentazione ufficiale della squadra in centro città, in una location ancora misteriosa, che potrebbe, e dovrebbe, essere ragionevolmente, tra piazza Università e piazza Duomo. Pietro Lo Monaco nei giorni scorsi aveva dichiarato di voler riportare la squadra nella prestigiosa sede del Rettorato, poi aveva optato per una nuova soluzione, magari per un simbolico, e non solo simbolico, abbraccio con la città in piazza Duomo, davanti al Municipio, luogo più che simbolico, anche alla luce della recente e dichiarata disponibilità del sindaco Enzo Bianco. Ci sono degli aspetti organizzativi da risolvere, ma sicuramente sarà un evento innovativo rispetto alla precedente gestione di Lo Monaco.

In questo contesto restano sempre in caldo i nomi di Gionatha Spinesi e Peppe Mascara, due dei protagonisti delle belle stagioni in serie A, il cui ritorno con ruoli diversi all’interno del grande staff tecnico rossazzurro potrebbe essere ufficializzato a brevissima scadenza. Un’operazione che fa leva oltre che sulle qualità professionali dei due ex calciatori, anche all’attaccamento alla maglia e al territorio, valori che sono necessari per scuotere la tifoseria, rompere il fronte della protesta, per altro legittima, e stimolare ottimismo.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi