Daniele Lo Porto

CATANIA – Due atleti della Primavera (Longo e Manneh, oltre a Graziano, già convocato più volte): Pino Rigoli deve pescare nella maggiore formazione giovanile per riempire la panchina. Quattro assenze importanti per squalifica (Gil, Bastrini, Nava, Biagianti, più l’infortunato Fornito) non sono facili da compensare. Difesa praticamente da inventare, in una partita particolarmente delicata perché segue la batosta subita a Castellamare, dalla quale gli etnei dovevano tornare con qualche certezza in più. E, invece, il 4-0 ha fatto piena luce, per l’ennesima volta, sui problemi di tenuta mentale in fase di crisi e di condotta tattica in trasferta.

“La sconfitta pesa perché venivamo da un buon momento. È stata una partita strana perché siamo stati presenti solo nei primi minuti di gioco, mentre i nostri avversari sono stati bravi a sfruttare determinate situazioni. Gli schiaffi presi ci hanno, però, fatto riflettere – ha sottolineato il tecnico rossazzurro -.. In questi giorni ci siamo impegnati, abbiamo trascorso una buona settimana e cercato di dimenticare i momenti negativi dati anche dalle squalifiche di giocatori importanti”. – Contro la Fidelis Andria è necessario un immediato riscatto, non solo per motivi psicologici, ma anche di classifica, contro una diretta avversaria. Preoccupato?

“Quella di domami sarà una partita dura contro una squadra che viene da un periodo importante. Ci siamo concentrati soprattutto sull’aspetto tattico-mentale”. Formazione in alto mare, almeno apparentemente. Troppe variabili, dalla difesa in attacco, condizionato dal rendimento tutt’altro che positivo di Calil e Paolucci. Quanto meno tornerà Bergamelli al centro della difesa, che senza di lui balla parecchio.. Qualche chance in avanti per Di Grazia. Ma Rigoli non si sbilancia: “Chi giocherà avrà l’occasione di mettersi in mostra e, considerata la voglia di fare bene, non farà mancare il proprio supporto. Di Grazia potrebbe partire titolare, ma anche se dovesse andare in panchina resta un elemento importante”

Catania, stadio Angelo Massimino, ore 18,30
CATANIA (4-3-3): 12 Pisseri; 24 Di Cecco, 3 Bergamelli, 28 Parisi, 20 Djordjevic; 5 Scoppa, 4 Bucolo, 32 Mazzarani; 10 Russotto, 11 Barisic, 23 Di Grazia. A disposizione: 1 Martinez, 26 De Rossi, 13 De Santis, 29 Longo, 33 Manneh, 15 Mbodj, 30 Piermarteri, 8 Silva, 19 Anastasi, 7 Calil, 31 Graziano, 9 Paolucci. All. Rigoli.
FIDELIS ANDRIA (4-3-3): 1 Poluzzi; 4 Aya, & rada, 21 Curcio,  2 Tartaglia;  ( Piccinini,  19 Cianci,  16 Minicucci;  24 Tito,  7 Volpicelli,  9 Fall. A disposizione:  12 Pop; 5 Allegrini, 10 Mancino, 11 Matera, 13 Colella, 14 Masiero,  15 Paolillo, 17 Starita,  20 Berardino, 22 Cilli,  25 Imbriola. All. Favarin
Arbitro. Marchetti di Ostia Lido
Dal Giornale di Sicilia
Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi