Daniele Lo Porto

CATANIA – Insultare i tifosi della squadra avversaria è consentito. L’invito esplicito ad atti sessuali e il gestaccio visto da tutti rivolto dal calciatore palermitano Giuseppe Prestia del Catanzaro mentre usciva dal campo non sarà sanzionato.. Per lui, infatti, solo una giornata di squalifica in seguito all’espulsione, sanzione ben più grave, invece, per il difensore etneo Gil. Due giornate di squalifica per lui, una a Bergamelli, ammonizione per Pino Rigoli, espulso per aver partecipato alla rissa.  Emergenza in difesa per  Rigoli contro il Francavilla domenica prossima. Non è certo un fulmine a ciel sereno perché i cartellini rossi erano stati sventolati con decisione dal direttore di grande durante la partita al calor bianco contro il Catanzaro. Begamelli è stato espulso dopo al rissa che si è scatenata in seguito allo scontro Di Cecco-Cunzi. La squalifica è motivata per “condotta gravemente scorretta vero un avversario a gioco fermo”. Quindi è successo qualcosa nel parapiglia e non si tratta di un scambio di persona con Di Cecco che aveva commesso reazione nei confronti di Cunzi. Per il difensore brasiliano, invece, la pesane sanzione è “per atto di violenza verso un avversario senza avere la possibilità di giocare il pallone”. Gil era intervenuto duramente con un intervento alle spalle di un calciatore avversario lanciato verso la porta di Pisseri. La società catanese è stata, inoltre, multata di 500 euro per avere ritardato l’inizio della gara.

In questi giorni Pino Rigoli dovrà lavorare per trovare una adeguata soluzione tattica alla contemporanea assenza dei due centrali rossazzurri. C’è sicuramente Bastrini in preallarme, è già rientrano in gruppo da qualche giorni e domenica scorsa era in panchina, mentre l’altro centrale potrebbe essere Djordjevic che si è ottimamente disimpegnato da esterno, mentre la sua corsia potrebbe essere occupata da Parisi o da Nava.

Emergenza difensiva a parte, dopo la terza vittoria consecutiva in casa il Catania dovrebbe cominciare a provare ad allungare il passo anche in trasferta dove non ha mai perso, ma non ha neanche mai ottenuto il punteggio pieno. Dopo essere entrata prepotentemente in zona play off, la squadra ha sicuramente guadagnato tanto in autostima e di autorevolezza nei confronti degli avversari. Partita da preparare con cura su piano tattico, come già aveva a fatto bene a Foggia il tecnico Rigoli, e da giocare con la stessa intensità e grinta dimostrate con Catanzaro che si è dimostrata squadra en più viva di quanto possa fare pensare la posizione in classifica. E oltre alla prima vittoria in trasferta i tifosi etnei si aspettano anche la prima rete di Andrea Di Grazia lontano dal Massimino. Fino ad ora le sue cinque reti hanno deliziato i tifosi delle Curve.  Allenamenti: oggi doppia seduta. La preparazione proseguirà giovedì pomeriggio e si concluderà con gli appuntamenti mattutini fissati per le giornate di venerdì e sabato.

Sarà il signor Davide Curti, della sezione A.I.A. di Milano, l’arbitro della gara Virtus Francavilla-Catania, valida per la quattordicesima giornata del Girone C del Campionato Lega Pro 2016/17, in programma domenica 20 novembre alle ore 14.30 allo stadio “Giovanni Paolo II”. Con il direttore di gara, gli assistenti Dario Cucumo (Cosenza) e Gaetano Massara (Reggio Calabria).

Nella foto di calciocatania.it il gol di Andrea Di Grazia contro il Catanzaro.


-- SCARICA IL PDF DI: Calcio Catania, il cattivo Gil e il buon Prestia --


Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata