Daniele Lo Porto

L’attenzione è massima, entusiasmo al minimo. Per rialzarlo si ricorrerà alla “giornata dell’orgoglio rossazzurro. Intanto, restano alla finestra i tifosi preoccupati, dopo che è finita come una bolla di sapone la trattativa-non trattativa (secondo il calcio Catania) tra Claudio Luca, imprenditore-tifoso, titolare di un’azienda di lavorazione del pistacchio, e il club etneo. E’ stata più intensa la sequela di comunicati tra i rispettivi uffici stampa che  il confronto faccia a faccia tra legali e commercialisti. Alla fine: nulla di fatto.  Per i legali di Finaria, la holding della quale fa parte anche la società calcistica, non ‘cerano neanche i presupposti per iniziare una trattativa, e l’atteggiamento deve essere stato talmente deciso che l’imprenditore brontese si è ritirato in buon ordine augurando futuri successi ai suoi colori del cuore.

I tifosi interpretano il fallimento di questa mancata trattativa come l’ennesima prova che il patron Nino Pulvirenti in realtà non voglia vendere, nonostante la rinnovata disponibilità sottolineata anche di recente dal presidente Davide Franco. E se restasse Pulvirenti la tifoseria organizzata probabilmente continuerebbe la protesta già manifestata nelle giornate finali del campionato che si è appena concluso disertando il Massimino. I 5.000 abbonati diventerebbero probabilmente un miraggio e giocare in uno stadio vuoto non aiuterebbe di certo la squadra a puntare decisamente verso l’obiettivo Serie B che, a questo punto, non potrebbe essere più rinviabile

 Almeno che, lo stesso Nino Pulvirenti, non intervenga ancora una volta dando ossigeno al Calcio Catania e allestendo una squadra che potrebbe  sollecitare il mutevole umore della tifoseria.

Domenica prossima, intanto, la Curva Nord, che ha raccolto subito l’adesione degli altri gruppi della tifoseria, ha indetto la giornata dell’orgoglio rossazzurro, con una giornata che dovrebbe essere di festa – ma anche di evidente critica all’attuale dirigenza – al Massimino dove si confronteranno due formazioni miste di Vecchie glorie. Tra questi hanno già dato la loro adesione alcuni degli ex calciatori più amati, da quelli che hanno contribuito alla promozione e alla permanenza nell’ultima esperienza in serie A e quelli che sono stati i protagonisti dell’epoca di Angelo Massimino: Gionatha Spinesi Davide Baiocco Armando Pantanelli Beppe Colucci Gennaro Monaco e ancora Tarantino, Bifera, Michele Zeoli Cicchetti Roberto Sorrentino, Nino  Leonardi, Nino Cantone, Gigi  Chiavaro, Privitera,  Galletta,  Sciuto, Ventura e Saro  Picone.

Cancelli aperti, ingresso gratuito, alle 17, inizio della partita alle 18 per una festosa invasione rossazzurra in uno stadio rimasto nelle ultime due stagioni troppo spesso quasi deserto.

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi