CATANIA – E’ stata posticipata la chiusura della campagna abbonamenti, in un primo momento fissata per oggi. La società etnea, infatti, aveva deciso di cessare la vendita dei tagliandi alla vigilia della partita con il Fondi. E così sarà, anche se – com’è noto – la partita contro i laziali è stata rinviata per motivi di ordine pubblico e si disputerà mercoledì 28. La possibilità di sottoscrivere l’abbonamento è, quindi, aperta fino a martedì  27 settembre, alla vigilia di Catania-Fondi, terza gara dei rossazzurri allo stadio “Angelo Massimino”.

In mezzo ci sarà il “derby” con la Reggina, una formazione da sempre rivale degli etnei. Un risultato positivo potrebbe essere un traino importane per arrivare quanto meno a “quota 5.000”, anche se sotto le aspettative dell’amministratore delegato che sperava di superare la quota di 5.250 toccata lo scorso anno. Un effetto negativo, in questi giorni, potrebbe essere però provocato dalla riapertura di una vecchia ferita: lo scandalo “I treni del gol”, cioè. Proprio due giorni fa è stato deciso dal gup del Tribunale di Catania il rinvio a giudizio dei responsabili di quella vicenda: dal presidente Nino Pulvirenti alla “risorsa” Pablo Cosentino, all’epoca amministratore delegato, al direttore sportivo Daniele Delli Carri e altri persone non tesserate dal calcio Catania che avrebbero avuto un ruolo nella compre-vendita delle partite.

Ieri ultimo allenamento pomeridiano settimanale, per il Catania, a Torre del Grifo. Nel programma dopo una sessione di prevenzione, lavoro tattico in fase difensiva ed esercitazioni a pressione in inferiorità numerica, su metà campo. Da oggi a domenica, rossazzurri in campo ogni giorno alle 9.30.

Ieri mattina, intanto, prima dell’allenamento pomeridiano a Torre del grifo, sette rossazzurri sono scesi “in campo” con la voglia di regalare sorrisi sinceri all’Ospedale Policlinico di Catania. Una nutrita rappresentanza di calciatori della prima squadra ha incontrato i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia Pediatrica, diretto dalla professoressa Giovanna Russo. Accolti dal Professor Andrea Di Cataldo e dagli altri medici di turno, guidati dagli infermieri e dagli operatori sanitari della struttura, i nostri ragazzi hanno dialogato con i bimbi attualmente ricoverati ed i loro genitori, consegnando alcuni giocattoli subito “collaudati” insieme e ricevendo simpatia, affetto ed entusiasmo. I sette “schierati” in sala giochi (con il modulo 4-1-1: Pisseri; Nava, Bastrini, Bergamelli, Parisi; Biagianti; Calil,  hanno manifestato tanta gratitudine per l’esempio ricevuto in termini di coraggio e daranno spazio, presto, ad altri rossazzurri che vorranno vivere momenti così importanti ed edificanti. Il Catania augura ai bimbi campioni di tenacia e purezza, ringraziandoli per ogni singolo “cinque” battuto oggi, le più importanti vittorie di vita.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi