Daniele Lo Porto

CATANIA – Pino Rigoli chiede il bis ai suo ragazzi che hanno esordito nel migliore dei modi sabato scorso contro la Juve Stabia. Ad Andria non sarà una passeggiata, tutt’altro. I pugliesi sono tornati sconfitti dalla vicina trasferta di Foggia, ma avrebbero meritato di più. Squadra che punta molto sulla fisica e sull’aspetto agonistico, oltre che sul possesso palla, la Fidelis Andria è storicamente un avversario ostico per gli etnei. Lo scorso anno al Degli Ulivi non andarono oltre lo 0-0, anche se colpirono un palo con Plasmati. Ma, adesso, la musica sembra decisamente cambiata. Il Catania affronta la prima trasferta stagionale con l’obiettivo di dover annullare già alla seconda giornata l’handicap dei sei punti di penalizzazione, per iniziare così un nuovo campionato alla pari.

“La squadra pugliese è cambiata poco rispetto allo scorso anno ed è già rodata, pur avendo cambiato allenatore e sistema di gioco: ha giocatori di grande affidamento e di grande valore tecnico. Inoltre, giocando in casa, avranno un grande apporto da parte della tifoseria – sottolinea mister Rigoli -. Dai miei calciatori mi auguro che continueremo con lo stesso atteggiamento del primo turno: per noi non deve cambiare nulla se giochiamo in casa o in trasferta. Sotto l’aspetto strettamente tattico, invece, l’avversario ha qualcosa di diverso rispetto alla Juve Stabia: abbiamo messo a punto tutto, in settimana, siamo pronti e determinati a fare bene”.

La formazione dovrebbe essere sostanzialmente confermato, con forse l’unica novità di Bergamelli in coppia centrale con Bastrini se dovesse vincere il ballottaggio con Drausio. Scalderanno i motori al box sia Fornito che Di Cecco, a secondo dell’evoluzione della partita. Per il resto centrocampo e attacco confermato, dove  Paolucci sarà alla caccia del quarto gol consecutivo in altrettanti partite ufficiali dall’inizio della stagione. L’attaccante è tornato in rossazzurro con grandi motivazioni e fino ad ora non ha sbagliato una partita, come il rigenerato Calil, che dopo il letargo del secondo semestre della scorsa stagione sembra essere tornato sui suoi livelli migliori.

Rigoli ha lavorato bene in settimana ed ha mostrato la massima soddisfazione per una campagna di rafforzamento che ha portato a catania elementi di categoria e giovani motivati provenienti da grandi club con Pisctella dalla Roma e De Santis dal Milan, quest’ultimo non convocato per la trasferta pugliese dopo la presenza in Nazionale Under 21.

Andria, Stadio degli Ulivi, ore 20,30

FIDELIS ANDRIA (4-2-3-1): 22 Cilli; 2 Tartaglia, $ Aya, 27 Rada, 21 Curcio; 11 Matera, 8 Piccinini; 26 Oriescu, 10 Mancino, 17 Starita; 19 Cianci. A disposizione: 12 Pop; 7 Volpicelli, 9 Fallo, 16 Minicucci, 20 Berardino, 23 Cruz, 25 Imbriola, 29 Annoni. All. Favarin.

CATANIA (4-3-3): 12 Pisseri; 2 Nava, 16 Bastrini (6 Drausio), 20 Djordjevic, 27 Biagianti, 6 Scoppa, 8 Silva; 10 Russotto, 7 Calil, 9 Paolucci. A disposizione: 1 Martinez, 22 Matosevic; 15 Mbodj, 28 Parisi,: 24 Di Cecco, 23 Di Grazia, 21 Fornito, 25 Sessa,; 19 Anastasi, 11 Barisic, 14 Piscitella. All. Rigoli.

Arbitro. Luciano di Lamezia Terme. Assistenti: Rotondale e Marinenza.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi