Dopo la sentenza del Collegio di garanzia del Coni, che per i noti fatti dell’inchiesta “I treni del gol” che vedono coinvolto il Calcio Catania ha confermato la penalizzazione di 9 punti rigettando il ricorso presentato dalla società rossazzurra nei mesi scorsi, Turi Distefano ha commentato per Sicilia Journal il verdetto.

“Quanto è successo mi lascia esterrefatto – ha esordito Distefano – Ancora una volta i piani alti prendono di mira Catania che ha già pagato abbastanza con la retrocessione in Lega Pro. Io sono fermamente convinto che chi sbaglia deve pagare, ma in questo senso la città non ha nessuna colpa e con questa sentenza si danneggia solo la tifoseria e l’immagine di una piazza importante.

A mio avviso la penalizzazione di 9 punti è un’assurdità, soprattutto considerando che non sentiamo ancora parlare di venditori. Ricordo, senza voler polemizzare, che in passato altre squadre hanno comprato interi campionati e sono uscite praticamente indenni pur essendoci prove schiaccianti. Una miseria che si commenta da sola. Poi vedo gente che si permette di giudicare e che invece dovrebbe stare solo in silenzio…

Adesso tocca alla squadra e a mister Pancaro – prosegue il mister –  L’obiettivo, mettiamocelo in testa, non può che essere la salvezza. Salviamo la categoria e poi puntiamo alla promozione il prossimo anno. Mi aspetto una reazione importante dai ragazzi, quello contro la Lupa Castelli è un confronto da vincere assolutamente, anche perchè rappresenta uno scontro diretto. Non mi sento di rimproverare il Catania per le ultime prestazioni. Sul campo i punti conquistati sono 20, niente male per una squadra assemblata in così poco tempo. Poi col Foggia mi aspettavo quel tipo di partita. I pugliesi sono davvero una bella squadra, già rodata e ben allenata da De Zerbi.

Dico ai tifosi che purtroppo è inutile recriminare all’infinito… bisogna accettare quanto accaduto, anche se ingiusto, e incitare questa squadra fino alla fine”.

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi