Daniele Lo Porto

CATANIA – Nazionalità serba ma anche passaporto portoghese, 25 anni, quasi un metro e novanta di altezza, ceduto dal Borac ed ex della Stella Rossa. Sono queste le coordinate del primo ingaggio stagionale del nuovo Catania, dopo Marco Biagianti, già ufficializzato nei giorni scorsi da Pietro Lo Monaco. Il centrocampista sarà capitano e uomo spogliatoio, sicuramente saprà mettere al servizio della squadra la sua esperienza e la generosità in campo. Un ritorno a casa per contribuire alla promozione in serie B che è l’obiettivo dichiarato della nuova dirigenza.

Stefan Djordjevic, invece, è un difensore esterno sinistro, ma adattabile anche da centrale, proviene dal Borac, dopo un’esperienza con la Stella Rossa, secondo posto nella stagione 2014-15. Venticinque anni, 187 centimetri, due anni di contratto, era nel mirino del direttore sportivo Christian Argurio già da tempo, sempre attento al mercato dell’Est dal quale aveva prelevato, sempre per il Catania, Barisic e Petkovic. Il pacchetto difensivo necessita di un potenziamento sul piano fisico e atletico oltre che tattico, alla luce degli svarioni della scorsa stagione, quando la mancanza di alternative valide si fece vedere palesemente. Solo Nunzella e Bergamelli garantirono prestazioni sufficienti, mentre Garufo e Parisi, sulla corsia esterna, e gli altri centrali in coppia con Bergamelli hanno lasciato a desiderare. Bastrini potrebbe essere tra i pochi confermabili, ma prima bisognerà valutare attentamente le sue condizioni fisiche che in passato ne hanno condizionato la presenza in campo.

In settimana, intanto, sarà risolto il quesito allenatore. E’ sfumato Robertino De Zerbi, che Lo Monaco aveva corteggiato nell’ambito del progetto di ripartire con atleti che col Catania si erano già messi in evidenza. De Zerbi ha prolungato il suo rapporto con il Foggia. Resterebbero tre in corsa: Gauteri, Rigoli e Auteri. Il prima ha richieste economiche non compatibili con il budget del club etneo, il secondo starebbe per essere riconfermato dall’Akragas, mentre Gaetano Auteri (già ex del Siracusa, Palermo, Licata e Leonzio, nonché tecnico dello stesso Siracusa e protagonista della promozione del Benevento in B) sembra il più “caldo” di tutto, anche se l’amministratore delegato rossazzurro ama i colpi di scena. Il nuovo tecnico sarà ufficializzato tra due date importanti: tra il prossimo 24, quando la società dovrà pagare gli stipendi di marzo, aprile e maggio per potersi iscrivere alla Lega pro, e il 30, quando sarà formalizzato il tutto. “Il Catania sarà salvato da Nino Pulvirenti, sia chiaro”, ha ribadito nei giorni scorsi Pietro Lo Monaco.

 

 

Diffondi la notizia!Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on TwitterEmail this to someone

Scrivi