di Gianluca Virgillito

MASCALUCIA – A prendere la parola, in sala stampa a Torre del Grifo, è il jolly rossazzurro Raphael Martinho, impiegato in diversi ruoli per sopperire alle numerose assenze a centrocampo, di ritorno dal Verona per provare a riportare in alto il Catania.

“Il motivo per cui sono tornato è per riportare il Catania in Serie A. Questo è il mio obiettivo. Come risultati individuali vedremo, intanto pensiamo alla squadra.

Le sberle che abbiamo preso nelle prime gare ci hanno fatto capire che è importante calarsi nella categoria. Piano piano le cose stanno cominciando a girare per il verso giusto.

Ogni avversario gioca senza tener conto della bravura dell’avversario, questo è fondamentale. A Frosinone sarà una partita difficile. Loro non hanno ancora perso in casa, ma noi puntiamo ai tre punti.

Il mio ruolo? Posso ricoprirne diversi. Terzino, a centrocampo o come esterno d’attacco. Ogni ruolo richiede un atteggiamento diverso. Non mi faccio problemi, se non quello di fare il bene della squadra. Non so dove sarò impiegato sabato.

Sannino sta cercando di farci capire il suo modo di far calcio, fatto soprattutto di concretezza. A noi in questo momento manca un pò di brillantezza, ma Ventrone è un maestro. Ci ha fatto lavorare in modo differente rispetto al solito. Allenamenti mirati.

La nostra bravura deve stare nel cambiare atteggiamento, nel diventare più cinici e concreti, l’arrivo di Sannino è servito anche a questo. La vittoria contro il Pescara ci da fiducia e voglia di lavorare sempre meglio. Anche la fortuna pare stia cominciando a girare per il verso giusto”.

(foto da ilcalciocatania.it)

Scrivi